In Svezia lavorare 6 ore al giorno ha reso tutti più felici

E il bello è che lavorare meno, aumenta anche la produttività!

Più Popolare

Per due anni in Svezia l'orario di lavoro di sei ore al giorno è stato la normalità. Una piccola rivoluzione accaduta a Göteborg, che ha reso tutti felici: lavoratori e imprenditori. Partita nel 2015 nella città svedese in via sperimentale per 24 mesi, l'iniziativa era stata accolta fin da subito piuttosto bene dai lavoratori. Il che non pare sorprendente, visto che si trattava di stare in ufficio per meno tempo ma a stipendio pieno.

Advertisement - Continue Reading Below

Tra le prime a sperimentare la nuova formula, alcune infermiere della casa di riposo Svartedalens hanno iniziato a lavorare meno da febbraio 2015. Ebbene, a due anni di distanza, si è visto che la riduzione del monte orario giornaliero ha avuto un impatto positivo sia sul livello delle cure infermieristiche prestate, sia sulla salute delle stesse lavoratrici.

Una volta concluso l'esperimento, adattarsi a tornare al normale turno di lavoro di otto ore è stato difficile, ha ammesso una di loro, Emilie Telander, 26 anni, nel corso di un'intervista alla Bbc. «Sono molto più stanca di quanto non mi sentissi prima», ha detto. «Durante questi due anni tutto il personale aveva più energia. Io stessa mi sono resa conto che eravamo più felici».

Più Popolare

Lise-Lotte Pettersson, 41 anni, assistente infermiera sempre a Svartedalens, ha confessato che l'orario più breve ha contribuito a incrementare il suo livello di produttività. «Prima esaurivo ogni energia al lavoro», ha raccontato al Guardian. «Tornavo a casa e subito mi schiantavo sul divano. Lavorando due ore di meno, invece, mi sono sentita più vigile e attiva non solo in clinica, ma anche nella vita familiare».

In attesa dei risultati completi di uno studio che ha monitorato i lavoratori durante tutti i due anni, i dati iniziali sembrano confermare i commenti delle infermiere. Nei primi 18 mesi dell'applicazione del nuovo orario, si sono registrate meno assenze per malattia e i partecipanti all'esperimento hanno dichiarato di sentirsi più in salute. Anche la loro produttività si è impennata, con un aumento dell'85% delle attività organizzate per i pazienti.

Tuttavia, il progetto è anche stato oggetto di critiche: si è infatti concluso a causa dell'enorme onere finanziario che ha comportato. Secondo diversi report sarebbe costato alla città circa 12 milioni di corone (circa 1.269.360 euro). «Possiamo estendere una tale iniziativa sull'intero territorio comunale? La risposta è no, sarebbe troppo costoso», ha affermato alla BBC Daniel Bernmar, un consigliere del partito della sinistra.

Tuttavia, Bernmar ha anche aggiunto che i benefit sociali dell'orario ridotto non dovrebbero essere ignorati: «Questa innovazione merita di essere messa all'ordine del giorno nel dibattito sul lavoro in Svezia, ma anche in Europa: è affascinante. Negli ultimi 10, 15 anni c'è stata moltissima pressione per spingere le persone a lavorare più ore, ma i risultati del nostro esperimento vanno nella direzione opposta».

Sebbene non tutti i settori abbiano le caratteristiche necessarie per adottare la giornata lavorativa di sei ore, sulla scia di Göteborg altri comuni svedesi hanno iniziato ad applicare formule a orario ridotto, finanziate a livello locale, principalmente per professioni ad alto rischio di burnout. Al momento, non sembra che la riduzione dell'orario lavorativo stia per ottenere in Svezia il via libera a livello nazionale, ma un esperimento come questo, che mira a migliorare l'equilibrio tra vita e lavoro, merita di sicuro di essere ulteriormente perseguito.

Da: Cosmopolitan
La scrivania volante
CosmoJob
CONDIVIDI
Vuoi lanciare una startup di successo? Meglio fare la contadina...
Contadina sì, ma 2.0...
CosmoJob
CONDIVIDI
Non solo confetti! 6 tips di Chiara Gily per diventare una perfetta Wedding planner
Sogni di organizzare matrimoni? Chiara Gily, autrice di Non solo confetti (Zandegù) ti svela quali sono i ferri del mestiere della perfetta...
CosmoJob
CONDIVIDI
6 consigli pratici per trovare lavoro in un paese straniero
Prepara i bagagli e il CV, a darti le dritte giuste ci pensiamo noi!
La scrivania volante Emily Temple-Wood
CosmoJob
CONDIVIDI
La storia di Emily che ha sconfitto i cyberbulli postando bio di donne scienziate
La scrivania volante: la app che monitora la felicità
CosmoJob
CONDIVIDI
La app che monitora la tua felicità al lavoro e il diritto alla scontentezza
Ma è sempre vero che se sei contenta lavori meglio?
Una ragazza in primo piano in piedi con i colleghi dietro di lei in ufficio
CosmoJob
CONDIVIDI
Nuovo lavoro? Ecco il galateo dei primi giorni in ufficio
Ambientarsi in un nuovo ambiente lavorativo è più facile se ti poni nel modo giusto
gatti ufficio
CosmoJob
CONDIVIDI
Questa azienda ha assunto dei "gatti da ufficio". E c'è una buona ragione!
Un'azienda in Giappone ha 9 gatti tra i suoi dipendenti, ma è per una buona causa
CosmoJob
CONDIVIDI
7 colleghi da cui ti conviene stare alla larga
No, non è proprio possibile collaborare con loro…
La scrivania volante:
CosmoJob
CONDIVIDI
La ragazza che ha inventato l'asilo nido viaggiante (contro la disoccupazione femminile)
È dalle grandi difficoltà che nascono le buone idee!
CosmoJob
CONDIVIDI
Mark Zuckerberg si è laureato ad Harvard e ha svelato il segreto della felicità
La sua frase resterà scolpita nella pietra, nei secoli dei secoli