Il 24 giugno è la Giornata mondiale dei cani in ufficio: scopri come funziona

Il 24 giugno potresti portare il tuo cane con te al lavoro​: scopri le regole delle aziende pet friendly

Più Popolare

Hai un amico quattrozampe? Sappi che il 24 giugno è la Giornata mondiale dei cani in ufficio. Se l'azienda dove lavori partecipa all'iniziativa, quindi, puoi portare il tuo cucciolo con te in ufficio. Del resto, lavorare insieme al proprio pet non solo è piacevole per te, e per lui: influisce positivamente anche su efficienza, produttività e team working.

Lo confermano diversi studi, tra cui una ricerca promossa nel 2015 dal brand PetCare di Nestlé Purina negli Stati Uniti insieme al Mississippi State University College of Veterinary Medicine, che ha coinvolto 750 volontari. In particolare, l'indagine ha scoperto che chi lavora in aziende pet-friendly quasi raddoppia le probabilità di ricevere gratificazioni professionali rispetto a chi, invece, è impiegato in contesti dove gli animali domestici non sono ammessi. Non solo, avere come vicino di scrivania il proprio amico con la coda aumenta la produttività e stimola la creatività.

Advertisement - Continue Reading Below

Un plus che non è passato inosservato: negli Usa 1 azienda su 5 è pet friendly, nel senso che permette ai propri dipendenti di farsi accompagnare dal pet non solo per la Giornata Mondiale dei cani in ufficio, bensì per tutti (o quasi) i giorni lavorativi dell'anno.

In Italia purtroppo iniziative di questo tipo sono ancora rare, ma qualcosa si sta muovendo.

Alcune multinazionali hanno introdotto anche da noi questa buona abitudine. Tra le prime, c'è Google, globalmente pet friendly: chi lavora nei suoi uffici italiani può farsi accompagnare dal proprio cucciolo, proprio come accade normalmente in tutte le sedi del colosso di Mountain View. Anche Nestlé, di cui Purina fa parte, ha lanciato dal 2014 in Italia un'iniziativa specifica. Si chiama Pets@work ed è un programma già attivo nelle sue sedi Usa da oltre 10 anni, che permette a ciascun dipendente del brand di pet care di portare il proprio animale, a rotazione, 3 volte a settimana (è prevista la presenza di 4 quattrozampe al giorno, grazie a un sistema di prenotazione).

Più Popolare

L'iniziativa di Purina è stata preceduta da un lungo lavoro preparatorio in modo da garantire il rispetto della salute, della sicurezza e delle esigenze di tutto il personale, oltre che degli animali. Il risultato è una policy specifica, che stabilisce regole e procedure condivise, disponibile per le aziende che volessero intraprendere lo stesso percorso. 

Ma cosa deve fare il lavoratore per portare il proprio cane in ufficio? 

Il decalogo di Purina prevede alcuni passi semplici ma necessari. 

Più precisamente, il tuo cane deve:

  • Essere in regola con la normale profilassi vaccinale e antirabbica.
  • Avere il microchip.
  • Essere  registrato all'anagrafe canina.
  • Possedere un certificato di buona salute rilasciato dal veterinario. 

Tu, invece, che sei la proprietaria, devi:

  • Stipulare una polizza assicurativa che copra eventuali danni causati dal pet.
  • Aver ottenuto il patentino del Buon Conduttore Cinofilo, rilasciato in collaborazione con un centro cinofilo riconosciuto (per venire incontro ai propri dipendenti e ai loro cani, Purina organizza ogni anno un incontro con gli istruttori cinofili per conseguire il documento). 
Partita IVA cose da sapere
CosmoJob
CONDIVIDI
Ho deciso di mettermi in proprio. Sarà una buona idea?
Hai deciso di aprire una società? L'esperta ti spiega tutto quello che devi sapere prima di tuffarti in questa nuova avventura
CosmoJob
CONDIVIDI
Dormire poco può influenzare il tuo lavoro in modo sorprendente
La mancanza di sonno ti provoca molto di più che un po' di stanchezza: lo dice un nuovo studio
Ragazza islandese
CosmoJob
CONDIVIDI
In Islanda l'uguaglianza in busta paga tra uomini e donne è diventata legge
E per ottenerla, le islandesi si sono inventate una forma di protesta davvero geniale
CosmoJob
CONDIVIDI
Che cos'è la mindfulness e perché può migliorare la tua giornata di lavoro
E sì, è un tipo di meditazione e ti servono solo 10 minuti...
capo stronzo strategie
CosmoJob
CONDIVIDI
3 strategie per sopravvivere a un capo che è un vero st*****
Ti sei mai sentita dire cose come «Sei troppo emotiva», «Reagisci eccessivamente»? Ecco, forse sei nel posto giusto
Portatile acceso su una pagina di profilo LinkedIn e tazza di tè
CosmoJob
CONDIVIDI
Diventa un'esperta del tuo settore con la nuova piattaforma di pubblicazione di LinkedIn
Il social network del lavoro lancia Publishing Platform: ecco come funziona
Jennifer Aniston in Friends
CosmoJob
CONDIVIDI
Ti piace il vicino di scrivania? Prova queste mosse ad alta percentuale di successo
C'è un tipo che lavora con te che ti ispira parecchio. Per arginare il rischio fail segui la strategia di Matthew Hussey, il nostro esperto...
Ragazza che fa un colloquio di lavoro
CosmoJob
CONDIVIDI
Le regole del colloquio perfetto: tutto quello che ti serve sapere step by step
Come affrontare al meglio un'intervista di lavoro e far emergere i tuoi talenti
Ragazza che si fa un selfie
CosmoJob
CONDIVIDI
Ora su LinkedIn trovi i filtri per caricare una foto professionale che spacca
Cosa aspetti a usare il filtro Guru?
CosmoJob
CONDIVIDI
8 tecniche infallibili per sconfiggere i pregiudizi di genere e farti rispettare dai colleghi uomini
Perché se un uomo si impone in ufficio passa per uno "serio", mentre una donna in carriera viene presa per una "arrabbiata"?