È il compleanno di Anna Frank: abbiamo visitato la sua casa di Amsterdam

Il 12 giugno ricorre l'anniversario della nascita di Anna Frank, autrice di uno dei diari più famosi e struggenti di sempre: ecco  8 cose che abbiamo scoperto di lei visitando la sua casa

Più Popolare

Il 12 giugno di quest'anno avrebbe compiuto 87 anni. Parliamo di Anna Frank, di cui ricorre in questa data l'anniversario della nascita.

Non è facile parlare di lei, icona della speranza che non si arrende mai, forte, tenace e - a detta delle compagne di classe - con un caratterino tutt'altro che accomodante. Ma ricordarla è imprescindibile e abbiamo deciso di farlo raccontandovi del suo museo-memoriale ad Amsterdam. La città che ha accolto la sua famiglia transfuga dalla Germania e l'ha protetta fino a quando un delatore non ha tradito i Frank, rivelando il rifugio segreto.

Advertisement - Continue Reading Below

Ecco 8 cose che non sapevamo di lei e che abbiamo scoperto visitando la casa-museo:

1. La Casa di Anna Frank è il museo più visitato della città. Incredibile, ma non troppo: nonostante la fama di capitale dello svago e del divertimento ai limiti del trasgressivo, Amsterdam ha una storia antichissima, gloriosa e di tutto rispetto. La sua tolleranza e inclusività nei confronti delle minoranze è nello stesso tempo datata e contemporanea. Preparati dunque a una lunga coda e a un'attesa di ore. Noi abbiamo fatto la fila al freddo e sotto la pioggia, accuditi dal personale del museo che passava con depliant in tutte le lingue e ombrelli per chi ne era sprovvisto.

Più Popolare

2. Mentre Anna e la sua famiglia vivevano clandestinamente dietro la ditta di proprietà del padre (che commercializzava la pectina, un addensante alimentare), la fabbrica funzionava regolarmente. In un secondo tempo furono raggiunti nel nascondiglio da una coppia di amici con un figlio e da un'altra persona. Furono protetti da quattro dipendenti della ditta: veri e propri eroi che hanno tenuto il segreto a costo della loro stessa vita. Una volta scoperto l'appartamento segreto, Anna e la sorella furono separate dai genitori, a loro volta deportati in capi diversi. Dopo la liberazione di Auschwitz (dove era detenuto) da parte dei russi, il padre era convinto di ritrovare le figlie vive. Ma Anna e Margot non ce l'avevano fatta: erano morte di tifo, a pochissimi giorni di distanza l'una dall'altra, poco prima che il loro campo (quello di Bergen-Belsen) venisse liberato.

l'esterno della casa-museo di Anne Frank

3. Il papà di Anna, Otto Frank, l'unico sopravvissuto alla guerra, non ha mai voluto rivelare l'identità del delatore che li ha traditi (forse per negargli notorietà), e nemmeno ri-arredare gli spazi della casa che si possono visitare in un vuoto spettrale, a simboleggiare il grande dramma e la diaspora della famiglia seguìti all'arresto.

4. È stata una delle dipendenti-protettrici della famiglia in clandestinità che, trovato il diario di Anna, l'ha riconsegnato al padre dopo la guerra. Otto Frank, che prima di proporlo agli editori ci ha pensato parecchio, ha dovuto faticare non poco per trovare una casa editrice che volesse pubblicarlo. Non solo: il successo del libro è stato tutt'altro che immediato.

5. Anna e la sorella Margot riuscirono a studiare anche in clandestinità, per non perdere anni di scuola, sfruttando corsi per corrispondenza richiesti a nome di una delle dipendenti del padre. In un espositore del museo viene mostrato il loro corso a distanza di francese. Non ci si pensa, ma la scuola talvolta può essere un lusso!

6. Le cose che più mancavano ad Anna erano la libertà e gli spazi aperti: durante il giorno non si poteva assolutamente fare rumore né aprire gli scuri, poiché gli operai della fabbrica erano ignari della presenza della famiglia Frank nella casa sul retro. Facendo il tour tra le stanze si avverte esattamente il senso di claustrofobia che deve aver provato la piccola ospite.

7. Anne era tenace e determinata, ha sperato fino all'ultimo che la prigionia nel nascondiglio segreto finisse. Ma come spesso accade, avere personalità spesso significa attirarsi le critiche: una compagna di scuola, che appare in uno dei video-documenti mostrati negli spazi attigui alla Casa, sostiene che Anna era una ragazzina dal carattere tutt'altro che facile!

8. Il sogno di Anna? Diventare una giornalista e scrittrice famosa per far conoscere al mondo storie e situazioni grazie al suo talento. Ecco una delle sue frasi più celebri: «So quello che voglio, ho uno scopo, un'opinione, una fede e un amore». Aveva le idee chiare, la ragazza, e il grandissimo successo del suo Diario le ha dato ragione. Sostiene ancora: «Scrivendo mi libero di qualsiasi cosa, mi passa il malumore, mi si solleva il morale!». Le sue memorie sono state inserite nel 1997 nel Registro della Memoria del Mondo dell'Unesco.

La casa-museo di Anna Frank è stata ufficialmente inaugurata nel 1960 e si trova ad Amsterdam, in Prinsengracht al numero 263-265.

Leggi anche Il 12 giugno si ricorda Anna Frank: il suo Diario ha venduto 30 milioni di copie

COSA NE PENSI?

Lifestyle
CONDIVIDI
I dolori della testimone di nozze single. Come rispondere a tono alla sposa invadente
​5 cose che una sposa non dovrebbe mai dire alla sua testimone single (e come risponderle a tono, senza rovinare un'amicizia)​
Lifestyle
CONDIVIDI
Devi sentire Cristina D'Avena che canta Hello di Adele in versione Puffi
​Nella puntata di Colorado Cristina D'Avena ha cantato Hello di Adele ​in versione sigla dei cartoni animati. Simpatica? Agghiacciante? Non...
Clemente Russo
Lifestyle
CONDIVIDI
Clemente Russo dà del "friariello" a Bosco Cobos: le reazioni su Twitter
​Al Grande Fratello Vip il boxeur Clemente Russo ha fatto una battuta omofoba che non fa ridere nessuno e forse dovrà abbandonare il...
Brad is single! La campagna geniale della Norwegian Airlines
Lifestyle
CONDIVIDI
Brad è single! La trovata geniale della Norwegian Airlines
​​La compagnia aerea Norwegian Airlines​ fa pubblicità ai suoi voli verso Los Angeles con un messaggio molto convincente​
Lifestyle
CONDIVIDI
È scientificamente provato: se sei intelligente è grazie a tua mamma
La scienza ha semplicemente confermato quello che tua madre sostiene da tempo​
cono gelato zucchero filato
Cucina e ricette
CONDIVIDI
Hai mai visto il cono gelato sospeso su una nuvola di zucchero filato? Esiste!
Non c'è trucco non c'è inganno: sembra magico, ma è vero. E puoi anche mangiarlo!
milo-ventimiglia jess gilmore girls una mamma per amica
Lifestyle
CONDIVIDI
Jess di Gilmore Girls - Una mamma per amica è cresciuto, ed è un figo spaziale
C'erano tutte le premesse perché non ti deludesse ​
Lifestyle
CONDIVIDI
Il fotoreportage di Laura Comolli, inviata speciale per Cosmopolitan a Londra
La fashion blogger Laura Comolli di "Purses & I" è stata la nostra invitata speciale al Fash fest di Londra per la presentazione della...
Lifestyle
CONDIVIDI
Save The Day: se voti la Clinton Mark Ruffalo si mostra nudo nel prossimo film
​​In un video anti-Trump una decina di superstar di Hollywood invitano gli americani a votare Hillary Clinton. In cambio Mark Ruffalo si...
manuel agnelli biografia severus piton
Musica
CONDIVIDI
Manuel Agnelli, chi è il giudice di X Factor 10 che assomiglia a Severus Piton
Ha già conquistato il pubblico e ci sono un sacco di buoni motivi. Ah, ha fatto anche una cover di Baby One More Time di Britney Spears