Come cucinare il miglio: proprietà e benefici

Scopri come cucinare il miglio e le proprietà e i benefici di questi semi per la salute e la bellezza

Più Popolare

Nutriente, ricco di fibre e dalle spiccate capacità diuretiche, depurative, energizzanti e protettive: è il miglio, un cereale privo di glutine conosciuto e apprezzato sin dal Neolitico. Secondo la credenza popolare, è il classico cibo per volatili o per animali da cortile, ma in realtà il miglio è un alimento completo anche per l'uomo, capace di apportare una notevole quantità di proteine e di fibre. L'ideale, insomma, per ritrovare una naturale regolarità intestinale ma anche per far abbassare i livelli di colesterolo in vene ed arterie.

Advertisement - Continue Reading Below

Tra gli altri pregi del miglio, inoltre, c'è la sua digeribilità: in Repubblica Ceca, dove è tra le pietanze più amate, lo chiamano addirittura "la spazzola dell'intestino" per la sua capacità di purificare l'organismo e per la facilità con cui è metabolizzato anche dagli anziani, dai più piccoli e da chi è alle prese con una lunga e difficile convalescenza (magari dopo un'operazione chirurgica).

I tipi di miglio e come prepararlo

La varietà più comune di miglio è quella di tipo decorticato, anche se in commercio è facilmente reperibile pure in farina o in fiocchi. Prima di preparare il miglio decorticato occorre lavarlo con cura sotto acqua corrente, ripetendo l'operazione diverse volte, fino a che l'acqua non appare assolutamente limpida. A questo punto il miglio va riposto in uno stretto colino, dove può scolare e asciugare per un quarto d'ora circa.

Solo dopo che sono state eseguite queste fondamentali operazioni preliminari, si può procedere con la cottura, che deve avvenire in una pentola d'acciaio dal fondo piuttosto spesso, a fiamma media e senza l'aggiunta di olio. Quando nell'aria inizierà ad avvertirsi chiaramente un'essenza caratteristica, si possono aggiungere sale e soprattutto acqua, di volume doppio rispetto a quello del cereale. Dopo aver alzato la fiamma e e dopo che ha raggiunto il bollore, il miglio va lasciato cuocere per una ventina di minuti circa. A cottura finita, va fatto gonfiare per qualche minuto dopo aver apposto un coperchio sulla pentola.

Come gustare il miglio

Ma come può essere gustato il miglio? Più che da solo, di solito è consumato in abbinamento ad altre pietanze come se fosse un pane integrale, o come base per diverse preparazioni. Molti lo utilizzano come ingrediente principale per polpette, sformati o crocchette assieme a verdure sminuzzate, aglio e olio, ma anche con l'aggiunta di ceci, fagioli o lenticchie lessati o addirittura frullati.

Celebre è anche l'utilizzo del miglio come ingrediente base per un ricco cous cous, alla stregua del classico semolino. È consigliabile completarlo con verdure, zucchine, pomodori, melanzane o peperoni: può rivelarsi un piatto gustoso, nutriente e ricco.

Ma non è tutto. Il miglio per secoli è stato utilizzato come base per la polenta, soprattutto nell'Italia Settentrionale, ma è ottimo anche nell'ambito di minestre o zuppe, oltre che un insospettabile ingrediente per dolci come la celebre Crema Budwig. In questo caso, il miglio va tritato crudo insieme a frutta secca e semi oleosi, per poi essere mescolato a yogurt o latte.

Famosissimo, poi, il suo utilizzo con uova e miele nel cosiddetto pan di miglio, un tipo di dolce molto comune in diverse parti d'Italia, mentre c'è chi lo identifica come elemento base del famigerato "mappazzone", il composito preparato assurto a nuova fama grazie agli strali lanciati sul suo conto in diretta tv da Bruno Barbieri in Masterchef.

Le tradizionali ricette con il miglio all'estero

Anche all'estero il miglio è molto amato. Abbiamo visto come in Repubblica Ceca sia uno degli alimenti più comuni, ma è in Senegal che il miglio è un autentico piatto nazionale e viene gustato sia in forma di farina che diventa una sorta di polenta dopo la cottura in acqua, il "fufu", sia in grani utilizzati per la preparazione di un caratteristico cous cous, il "cérè". Nel paese africano, inoltre, il miglio è utilizzato addirittura per preparare una varietà particolare di birra.

Yummi con le ricette di Cosmo!

Diete
CONDIVIDI
La ricetta fai da te del kombucha, il tè che sgonfia
Già provato il kombucha?
calorie e proprietà nutritive carote
Diete
CONDIVIDI
È il momento di mangiare le carote! Scopri perché ti fanno bene
Poche calorie e tantissime proprietà. Fa bene alla pelle, attenua il senso di fame... Scopri tutto qui
Una ragazza al mare in perfetta forma
Diete
CONDIVIDI
Per perdere peso segui la dieta dei biotipi
Serena Missori, medico specialista in endocrinologia e malattie del ricambio, ti spiega che cos'è e come funziona la sua dieta dei biotipi....
cibi alleati nel cambio di stagione
Diete
CONDIVIDI
I cibi alleati nel cambio di stagione
Ecco i cibi che ti aiutano a svoltare e a ritrovare energia durante il cambio di stagione
dieta dimagrante dosha
Diete
CONDIVIDI
Dieta Dosha: dimmi che forma di corpo hai e ti dirò cosa mangiare
Si basa sulla medicina ayurvedica e sulla forma del corpo, scopri qui quella che fa per te
su un tavolo ci sono tablet e smartphone e arance e succo di arance per la concentrazione
Diete
CONDIVIDI
Scopri i 10 cibi che attivano e miglionano la memoria e la concentrazione
Se ti senti il cervello annebbiato, leggi qui e mangia cioccolato, avena e salmone. Ma anche ...
perdere peso, dieta o attività fisica
Diete
CONDIVIDI
Perdere peso: meglio la dieta o meglio l'attività fisica?
L'esperta ti spiega qual è la strategia migliore per essere in forma
regina elisabetta dieta
Diete
CONDIVIDI
3 alimenti che la regina Elisabetta si rifiuta di mangiare. E uno di cui non sa fare a meno
La regina Elisabetta ha un peccato di gola speciale noi possiamo capirla
Diete
CONDIVIDI
Stop agli spuntini notturni! Leggi qui perché fanno male
Cenare tardi o spizzicare prima di andare a letto fa molto male al tuo organismo. Ecco perché
Una ragazza beve un bicchiere di latte un alimento che provoca intolleranze
Diete
CONDIVIDI
Intolleranze: tutto quello che devi sapere
Lo sei o credi di essere intollerante? Ecco tutto quello che devi sapere spiegato dagli esperti