Erica Boschiero, la rivelazione della musica d'autore

Per lei la musica è tutto, ispirazione e vita e il successo è far sopravvivere il rosmarino sul suo balcone nei lunghi periodi in cui è via. Leggi l'intervista a Erica Boschiero cantautrice e donna al top!

Più Popolare

Che cos'è per te il successo?
Mi ha colpito molto l'immagine che ha usato Joni Mitchell in una sua recente intervista: l'artista di successo è come un pesce rosso costretto a vivere dentro ad una boccia di vetro. Visto attraverso le pareti ricurve, il mondo appare ai suoi occhi completamente deformato, e lo spazio a sua disposizione è limitatissimo, mentre mille sguardi da fuori lo osservano in ogni suo movimento. Se penso alla vita di certi personaggi famosi, Joni non ha sbagliato, ed io sento di non invidiarli affatto. A mio avviso il vero successo è poter continuare a scrivere e registrare dischi, riuscire a farlo continuando una ricerca personale e originale e contemporaneamente restando fedele a ciò che sono. Viaggiare e far conoscere le mie canzoni a quante più persone possibili attraverso i concerti, collaborare con artisti che stimo e arricchire il mio bagaglio di esperienze, senza perdere la possibilità di costruirmi una famiglia e di ritagliarmi degli spazi di isolamento e di normalità... Anche se riuscire a far sopravvivere il rosmarino sul mio terrazzo ai lunghi periodi in cui sono fuori casa oggi è già un bel successo!

Advertisement - Continue Reading Below

Come hai scoperto il tuo talento?
L'ho sempre avuto con me, non ricordo quando ho cominciato a cantare, dicono che ancora prima di imparare a parlare già cantassi. In un tema della quinta elementare dove mi si chiedeva di descrivere che cosa avrei voluto fare da grande, scrissi che avrei voluto fare l'ostetrica o la veterinaria. Il tema concludeva così: "qualcuno mi dice che dovrei andare a cantare in televisione e fare questo di mestiere ma questi devono sapere che io canto per divertimento, per puro divertimento". Non credo di aver mai scelto di fare la musicista. Ho la sensazione che ad un certo punto sia stata la musica a scegliere me. Io non ho fatto altro che accoglierla, e seguire il flusso degli eventi che ne sono seguiti.

Più Popolare

Che cosa ti piace di più della musica?
La potenza che ha nel modificare la nostra percezione del mondo, delle cose, delle persone. La capacità che ha di entrarci dentro e trasformarci. Di coinvolgere le persone più distanti e farle entrare in sintonia con il nostro sentire, anche senza dire una parola. Tutto si gioca su un piano differente da quello logico, è un piano fatto di vibrazioni, di stimoli e risposte corporee più o meno sottili, di emozioni, e le emozioni ancora oggi sfuggono al nostro controllo razionale e sono per questo ancora in qualche modo rivoluzionarie.

Che cosa ti ha insegnato la musica?
La pazienza e lo stupore. La pazienza perché non c'è risultato che per essere raggiunto non richieda tempo e dedizione, non c'è ricerca che non richieda fatica e ascolto, non ci sono originalità e autenticità che non richiedano ricerca. Lo stupore perché a volte la musica sembra arrivare da sola, da luoghi misteriosi, anche (o forse proprio) quando non la stai cercando, al di là di tutte le cose apprese e volute. A volte mi sento io lo strumento, il ponte attraverso cui qualcosa che vive a prescindere da me si manifesta concretamente: ho l'impressione che quando scrivo una canzone siano le note e le parole ad usare me, e non viceversa.

Che cosa vuoi trasmettere agli altri con la musica?
Quando scrivo non penso a cosa voglio trasmettere agli altri… Scrivo e basta, quello che mi passa per la testa e per il cuore. Ma a voler analizzare la cosa, credo mi piaccia l'idea di poter trasmettere una certa curiosità, un bisogno che ho di non dare per scontati gli eventi, la possibilità di trasformare situazioni problematiche in risorse e opportunità di comprensione e di trasformazione. Una canzone è un occhio di bue puntato su una storia, un evento, un passaggio dell'anima, una domanda, un dolore, una follia. Scrivere una canzone significa puntare questo faro su una realtà che di solito resta nella penombra, e far sì che anche gli altri si soffermino ad osservarla. E magari a leggerci qualche cosa di sé.

A chi ti ispiri ogni giorno per il tuo lavoro?
Non mi ispiro a persone in particolare. Quando sono in difficoltà cerco di pensare ai miei nonni, a tutti i problemi e le prove che hanno dovuto superare e allo spirito lieve, positivo e fiducioso nella vita che sono riusciti a mantenere nonostante tutto quello che hanno passato, dalla povertà alla guerra alle malattie… vite come le loro sono buone bussole per orientarsi nel mondo e non lasciarsi sopraffare dalla paura o dalla frenesia miope dei nostri tempi…

Che cosa ti hanno insegnato le difficoltà che hai affrontato per raggiungere il tuo sogno?
Che ogni cosa arriva quando siamo pronti ad accoglierla. Che a volte la vita è più saggia di noi, e non sempre la soddisfazione di un nostro desiderio coincide ciò che davvero è bene per noi, con la vera felicità. Disseminiamo le nostre giornate di illusioni e bisogni tutti apparentemente imprescindibili. Se mi guardo indietro, ci sono cose che ho sognato a lungo: alcune non sono arrivate (ed è stato un bene!) ed altre sono arrivate soltanto nel tempo in cui ero davvero pronta per viverle e coglierne il senso e la potenza. Il mestiere del "cantautore" si costruisce anno dopo anno, palco dopo palco, raccogliendo soddisfazioni e tante porte sbattute in faccia. Resistere e superare tutto ciò, imparando a navigare tra gli eventi, a circondarsi delle persone giuste ed evitare quelle dannose, a trovare noi stessi nella continua ricerca musicale è fondamentale.

Come hai sconfitto la tua più grande paura?
Ho molte paure e non credo di averle mai del tutto sconfitte. Mi tengono compagnia, ci lavoro, a volte le prendo in giro, a volte loro si vendicano. Fanno parte del gioco. A volte le esorcizzo scrivendoci una canzone. Perché quando punti un faro su una cosa che ti fa paura, una volta illuminata questa diventa più innocua, se non addirittura insignificante, ridicola.

La tua frase mantra per darti la carica?
Non ho una frase mantra… in genere se ho bisogno di darmi la carica faccio un respiro profondo e penso al bosco, al posto dove sono nata. Con quella pace in corpo, affronto i palchi e le situazioni più disparate.

Un consiglio per chi vorrebbe lavorare con la musica?
Di studiare, praticare e ascoltare tanta buona musica, che è nutrimento fondamentale per la scrittura. Di non avere fretta e non voler tenere tutto sotto controllo. Di restare attenti alle cose sottili, sia quando si scrive che quando c'è da prendere delle decisioni. Di non mollare di fronte alla prima delusione, e avere fiducia nel proprio sentire. Se è davvero quello per cui siamo a questo mondo, sarà la vita stessa a farcelo capire, questo credo. Altrimenti sarà stato un bel percorso, e la vita saprà stupirci con altro!

Leggi tutte le altre storie delle donne al top!

COSA NE PENSI?

Lifestyle
CONDIVIDI
Le star di "The Big Bang Theory" le più pagate della tv. Al primo posto Jim Parsons
Secondo la classifica di Forbes l'attore televisivo più pagato è Jim Parsons seguito dai suoi colleghi di "The Big Bang Theory"​
gelato cono forma pesce
Cucina e ricette
CONDIVIDI
Il cono gelato a forma di pesce è la tua nuova ossessione
Metti un dolce tipico giapponese a forma di un pesce, una cialda croccante e del gelato. Risultato? Il cono più divertente che ci sia!​
toronto film festival 2016
Cinema
CONDIVIDI
Toronto Film Festival 2016: le foto dal red carpet e dal party
C'erano tutti: Justin Timberlake, Leonardo DiCaprio, Michael Fassbender. Belli come il sole!​
film toronto film festival 2016
Cinema
CONDIVIDI
10 film da non perdere dal Toronto Film Festival 2016
I film preferiti da Cosmo al Toronto Film Festival 2016
Cucina e ricette
CONDIVIDI
#Coffeeinacone: la nuova mania di Instagram è il caffè bevuto nel cono
L'idea è di una caffetteria di Johannesburg. Non hai voglia di berne uno?​​
Lifestyle
CONDIVIDI
I dolori della testimone di nozze single. Come rispondere a tono alla sposa invadente
​5 cose che una sposa non dovrebbe mai dire alla sua testimone single (e come risponderle a tono, senza rovinare un'amicizia)​
Lifestyle
CONDIVIDI
Devi sentire Cristina D'Avena che canta Hello di Adele in versione Puffi
​Nella puntata di Colorado Cristina D'Avena ha cantato Hello di Adele ​in versione sigla dei cartoni animati. Simpatica? Agghiacciante? Non...
Clemente Russo
Lifestyle
CONDIVIDI
Clemente Russo dà del "friariello" a Bosco Cobos: le reazioni su Twitter
​Al Grande Fratello Vip il boxeur Clemente Russo ha fatto una battuta omofoba che non fa ridere nessuno e forse dovrà abbandonare il...
Libri
CONDIVIDI
Intervista alla scrittrice Federica Bosco sul suo ultimo libro "Dimenticare uno stronzo"
​Tutte ne abbiamo conosciuto uno e tutte abbiamo subìto le sue angherie. Bene: ma ora esiste un metodo per uscirne presto
Brad is single! La campagna geniale della Norwegian Airlines
Lifestyle
CONDIVIDI
Brad è single! La trovata geniale della Norwegian Airlines
​​La compagnia aerea Norwegian Airlines​ fa pubblicità ai suoi voli verso Los Angeles con un messaggio molto convincente​