10 problemi che devi affrontare se hai l'accento piemontese

A noi piemontesi "ci piace la menta", mastichiamo il cicles e quando siamo senza facciamo che andare a comprarle anche se abbiamo solo più 5 euro in tasca.

Più Popolare

1. «Ti piace la meeeenta?» Sì, abbiamo un problema con le vocali aperte (e con la menta in particolare). Il problema vero, però, è che ci piacciono da morire e non riusciamo in nessun modo a trattenerle. 

2. Non esiste il «Ciao, come stai». Ormai lo sanno tutti, e tutti ci prendono in  giro per come lo diciamo. Ma è più forte di noi: quando incontriamo qualcuno riassumiamo tutto in uno squillante «Com'è?». 

Advertisement - Continue Reading Below

3. Per noi non esiste il passato remoto. Noi ci fermiamo all'imperfetto. In rarissimi casi usiamo il trapassato prossimo, ma ci sentiamo subito in colpa. Il risultato: le persone pensano che abbiamo una vita intensissima perché tutto sembra esser successo poco tempo fa. #TOP

4. Ogni dialetto è complicato, ma il piemontese è impossibile da imitare. E per chiarire a tutti che per parlarlo non basta aver ascoltato la Littizzetto in tv, bisogna far provare gli altri a dire "Dui purun bagna'n't l' öli" (due peperoni bagnati nell'olio). Nessun non piemontese riuscirà a dirlo correttamente.

Più Popolare

5. Il problema della cicca (e del cicles). Non appena si esce dai confini piemontesi ci tocca affrontare la dura realtà: per il mondo la fuori la cicca è la gomma da masticare, non la sigaretta. Ma il piemontese, a differenza del detto, è davvero cortese e non osa far notare la cosa all'amico ignaro. E così passa il viaggio a masticare cicles invece di fumare.

6. Non ci capacitiamo del fatto che la gente non capisca l'espressione "solo più". È una battaglia persa, rinunciaci. Frasi come «Guardiamo solo più una puntata di Friends» o «Cavolo, ci è rimasto solo più mezzo litro di latte in frigo» non le comprenderà nessuno al di fuori dei confini del Piemonte. E no, non è sostituibile con "ancora uno". Ha un significato molto più profondo ma, a quanto pare, solo noi siamo in grado di comprenderlo.

7. «Facciamo che andare». I non piemontesi fanno spesso notare che sbagli a proporre cose da fare. Attenzione: non è un problema di opzioni proposte, ma semplicemente di come le si pone. Sì perché la nostra tipica espressione «Facciamo che andare al cinema» purtroppo non è italiano. Ma noi non lo sappiamo, e continuiamo ad andare a guardare film insieme agli amici (o a cenare fuori, o al parco, o dove ci pare). 

8. Il verbo osare, questo sconosciuto. Fai molta attenzione: i grammarnazi sono là fuori e non vedono l'ora di rinfacciarti il tuo uso scellerato del verbo osare. «Non mi oso!», se sei piemontese, è una frase che pronunci in continuazione. Le altre regioni non osano utilizzare questo verbo in forma riflessiva. Mentre tu, purtroppo, ti osi eccome (sbagliando).

9. Quando si arriva al momento dell'amaro scatta il panico. Mettiamoci l'anima in pace: il San Simone esiste solo in Piemonte. Là fuori non sanno cosa sia (e cosa si perdono). 

10. Nessuno fuori dai confini piemontesi capisce la domanda "quando compri?". Fondamentalmente il problema è semplice: nelle altre 19 regioni d'Italia i bambini nascono. Solo da noi si comprano. Ecco spiegato perché tutte le donne in dolce attesa ci guardano malissimo.  

Nella foto, Luciana Littizzetto assieme a Belen. Le due si fanno una bella concorrenza in quanto all'accento supersexy! 

Segui Stefano Balbo su Twitter

Leggi anche:

Luca Argentero
Related Article
Related Article
Biscotti di Natale da regalare: tante idee alla moda per decorarli nelle palette colori più golose
Cucina e ricette
CONDIVIDI
Sorprendi tutti con i biscotti di Natale alla moda
Poca spesa e tantissima resa!
Cucina e ricette
CONDIVIDI
10 meravigliosi biscotti decorati da appendere all'albero di Natale
Sono troppo belli per dargli un morso!
Cinema
CONDIVIDI
Tutte le volte in cui Zac Efron si è tolto la maglietta nel trailer di Baywatch
Se lo vedessi senza maglia dal vivo saresti così distratta che rischieresti di annegare
video gattini natale
Lifestyle
CONDIVIDI
I video dei gattini per le feste di Natale ti fanno capire perché ami i felini
Ci sono i gatti che quando il padrone non c'è fanno festa (e distruggono tutta la casa, ovvio)
Cucina e ricette
CONDIVIDI
I macarons con la coda da sirenetta ti svoltano la giornata con la loro magia
Non ti viene neanche voglia di mangiarli. Sono così belli che ti ipnotizzano
Viaggi
CONDIVIDI
22 rooftop bar più belli del mondo
I migliori rooftop bar del mondo dove bere un cocktail e godere di una vista spettacolare
Cinema
CONDIVIDI
Pronta per il secondo trailer ufficiale di Cinquanta sfumature di nero?
Erotico, misterioso, oscuro: il secondo trailer ufficiale di Cinquanta sfumature di nero è arrivato. Guardalo qui
Alla scoperta dei mercatini più belli e dei luoghi in Europa dove lo spirito del Natale ti scioglie il cuore
Viaggi
CONDIVIDI
Se a Natale vuoi la magia, vivila con i mercatini natalizi più belli d'Europa
12 mete scelte da Cosmo alla ricerca dello spirito delle feste: lucine in quantità, ghiottonerie e guance arrossate dal vento del Nord....
Peeled Potatoes
Cucina e ricette
CONDIVIDI
Hai sempre sbagliato a pelare le patate
Ci sono trucchi che ti svoltano la vita
10 dicembre è la giornata mondiale dei diritti umani: con Amnesty International puoi fare la differenza. Al 1° piano del Mercato Centrale Firenze una tavola rotonda a supporto della campagna 2016 "Write for Rights" per riflettere sull'impegno civile e una mostra delle opere in Lego realizzate da Ai Weiwei.
Lifestyle
CONDIVIDI
Il 10 dicembre al Mercato Centrale Firenze stai insieme all'arte per la difesa dei diritti umani
Perchè i luoghi della vita e i luoghi dell'arte non devono più rimanere separati