​La vittoria di Trump è una sconfitta per il genere femminile

​Donald Trump sarà il prossimo Presidente degli Stati Uniti. Ecco perché la sua elezione è un insulto per tutte le donne

Più Popolare

L'inimmaginabile si è avverato: Donald Trump è stato eletto Presidente degli Stati Uniti. Non credevamo, davvero, che sarebbe potuto succedere. I sondaggi fino all'ultimo davano per favoritissima Hillary Clinton. Abbiamo sperato che al momento del voto gli elettori, anche quelli più dubbiosi sulla Clinton, immaginandosi un presidente come Trump si sarebbero tappati il naso e avrebbero votato Hillary. Ho sottovalutato il risentimento, cieco e meschino, del maschio bianco.

Advertisement - Continue Reading Below

I primi exit poll ci fanno pensare che i maschi bianchi americani abbiano votato per Trump in massa. La narrazione dei media che hanno coperto queste elezioni, tutta improntata su temi di economia e classe sociale, non ha tenuto conto di un particolare: a bocce ferme è sempre più chiaro che la vittoria di Trump è una vittoria di razza e di genere. 

Queste elezioni ci hanno dato una lezione importante: il razzismo e il sessismo continuano ad essere una motivazione fortissima per decine di milioni di americani. E il femminismo non lo è stato abbastanza, nemmeno in un caso come questo, in cui una donna qualificata è riuscita a perdere contro un bullo.

In qualsiasi paese civile non ci sarebbero stati dubbi sull'esito di questa elezione. Da una parte una donna con decenni di esperienza in politica, di estrazione sofisticata e progressista, che si è circondata dei migliori esperti e ha portato avanti una campagna elettorale concreta e ponderata. Dall'altra un uomo politicamente impreparato con diversi fallimenti alle spalle, incapace di comprendere realmente le ripercussioni pratiche del risentimento razziale e sessuale, che ha condotto una campagna elettorale disastrosa. Eppure ha vinto lui.

Più Popolare

La vittoria di Trump è un insulto al genere femminile. Il messaggio è evidente: puoi essere la migliore, ma mi dispiace tesoro, non è sufficiente. Ogni donna che nella vita abbia provato l'umiliazione di non ottenere una promozione, data invece a un collega maschio meno bravo di lei; di essere trattata in modo condiscendente dai capi, dai professori, dai colleghi o dai propri compagni di scuola; che sia stata trattata come una che non è all'altezza. Questa etica demolisce l'autostima di tantissime donne, che finiscono per incolpare se stesse, arrivando alla conclusione che sia colpa loro, arrivando a pensare di non essere abbastanza in gamba e che anche impegnandosi al massimo non ce la faranno mai.

Abbiamo davanti agli occhi l'esempio perfetto di come una donna capace possa perdere contro un uomo profondamente impreparato.

Questo non è un fallimento del femminismo, ma un fallimento dell'America, e del maschio bianco americano in particolare. Nell'ultimo mezzo secolo le donne hanno fatto enormi conquiste: andare all'Università, avere accesso al mondo del lavoro, essere elette e arrivare ai piani alti, ottenendo risultati migliori degli uomini. Ma non è stato sufficiente raggiungere le più alte sfere o coprire posizioni che a lungo sono state appannaggio esclusivo dei maschi: le donne in posizioni di leadership costituiscono ancora un'esigua minoranza nel mondo degli affari, del diritto, della politica e della scienza. 

Molte di noi, femministe e non, si sono chieste perché non ci stiamo arrivando. E siamo arrivate alla conclusione che non può essere solo questione di sessismo. 

Forse non negoziamo abbastanza. Forse non ci valorizziamo abbastanza. Forse non usiamo un tono di voce abbastanza fermo e risoluto da risultare autorevole. Forse non siamo sufficientemente combattive o lo siamo troppo, o siamo troppo belle o non lo siamo abbastanza. Forse passiamo troppo tempo focalizzate sui nostri bambini e la nostra famiglia. Forse siamo donne che figli hanno deciso di non averne e quindi siamo delle carrieriste troppo ambiziose.

Forse non è colpa nostra. Forse è il fatto che la maggior parte della storia americana ha dato una serie di schiaffi in faccia alle donne. Abbiamo dovuto combattere con tutte le nostre forze per ottenere il diritto di voto, perché la violenza contro di noi venisse presa sul serio, per avere il diritto di fare ciò che vogliamo con il nostro corpo. Il maschio bianco molte di queste cose le ha sempre avute: fin dalla fondazione di questo Paese gli uomini bianchi hanno potuto contare su una serie di diritti e privilegi che noi donne ci abbiamo messo un secolo a conquistare, lottando. 

Spesso abbiamo perso e ci siamo rimesse a combattere. E continueremo a farlo. Ma questo è un colpo basso, sferrato dalla misoginia, molto duro da incassare. E fa male.

Da Cosmopolitan.com

Una ragazza con lo sguardo sveglio guarda un obiettivo da raggiungere
Lifecoach
CONDIVIDI
Come funziona la legge d'attrazione (e far accadere tutto quello che vuoi)
Ovvero come far girare l'Universo a tuo favore
una scena del film Mangia, prega, ama
Lifecoach
CONDIVIDI
17 segni che è arrivato il momento di cambiare qualcosa nella tua vita
Amore? Lavoro? Casa? O città? Se noti almeno 3 di questi segnali è il momento di dare una svolta alla tua vita
pressione bassa
Lifecoach
CONDIVIDI
Hai la pressione bassa? Ecco che cosa mangiare per alzarla
Scopri cosa mangiare per alzare la pressione e quali sono gli alimenti migliori per contrastare questo disturbo
La scrivania volante
CosmoJob
CONDIVIDI
Vuoi lanciare una startup di successo? Meglio fare la contadina...
Contadina sì, ma 2.0...
CosmoJob
CONDIVIDI
Non solo confetti! 6 tips di Chiara Gily per diventare una perfetta Wedding planner
Sogni di organizzare matrimoni? Chiara Gily, autrice di Non solo confetti (Zandegù) ti svela quali sono i ferri del mestiere della perfetta...
CosmoJob
CONDIVIDI
6 consigli pratici per trovare lavoro in un paese straniero
Prepara i bagagli e il CV, a darti le dritte giuste ci pensiamo noi!
crisi del quarto di secolo
Lifecoach
CONDIVIDI
Perché la crisi dei 25 anni dura (almeno) fino ai 30
Ovvero, tutto quello che so della crisi del quarto di secolo
maturità ansia, consigli per affrontarla
Lifecoach
CONDIVIDI
11 consigli per affrontare l'ansia da maturità
Trasformare l'ansia nella tua alleata numero uno? Possibile!
La scrivania volante Emily Temple-Wood
CosmoJob
CONDIVIDI
La storia di Emily che ha sconfitto i cyberbulli postando bio di donne scienziate
corsi universitari piu strani al mondo
Lifecoach
CONDIVIDI
I 7 corsi universitari più strani (e curiosi) del mondo
Ad esempio ad Harvard potrai laurearti col massimo dei voti studiando draghi e successioni al trono (di spade, of course)