​La vittoria di Trump è una sconfitta per il genere femminile

​Donald Trump sarà il prossimo Presidente degli Stati Uniti. Ecco perché la sua elezione è un insulto per tutte le donne

Più Popolare

L'inimmaginabile si è avverato: Donald Trump è stato eletto Presidente degli Stati Uniti. Non credevamo, davvero, che sarebbe potuto succedere. I sondaggi fino all'ultimo davano per favoritissima Hillary Clinton. Abbiamo sperato che al momento del voto gli elettori, anche quelli più dubbiosi sulla Clinton, immaginandosi un presidente come Trump si sarebbero tappati il naso e avrebbero votato Hillary. Ho sottovalutato il risentimento, cieco e meschino, del maschio bianco.

Advertisement - Continue Reading Below

I primi exit poll ci fanno pensare che i maschi bianchi americani abbiano votato per Trump in massa. La narrazione dei media che hanno coperto queste elezioni, tutta improntata su temi di economia e classe sociale, non ha tenuto conto di un particolare: a bocce ferme è sempre più chiaro che la vittoria di Trump è una vittoria di razza e di genere. 

Queste elezioni ci hanno dato una lezione importante: il razzismo e il sessismo continuano ad essere una motivazione fortissima per decine di milioni di americani. E il femminismo non lo è stato abbastanza, nemmeno in un caso come questo, in cui una donna qualificata è riuscita a perdere contro un bullo.

In qualsiasi paese civile non ci sarebbero stati dubbi sull'esito di questa elezione. Da una parte una donna con decenni di esperienza in politica, di estrazione sofisticata e progressista, che si è circondata dei migliori esperti e ha portato avanti una campagna elettorale concreta e ponderata. Dall'altra un uomo politicamente impreparato con diversi fallimenti alle spalle, incapace di comprendere realmente le ripercussioni pratiche del risentimento razziale e sessuale, che ha condotto una campagna elettorale disastrosa. Eppure ha vinto lui.

Più Popolare

La vittoria di Trump è un insulto al genere femminile. Il messaggio è evidente: puoi essere la migliore, ma mi dispiace tesoro, non è sufficiente. Ogni donna che nella vita abbia provato l'umiliazione di non ottenere una promozione, data invece a un collega maschio meno bravo di lei; di essere trattata in modo condiscendente dai capi, dai professori, dai colleghi o dai propri compagni di scuola; che sia stata trattata come una che non è all'altezza. Questa etica demolisce l'autostima di tantissime donne, che finiscono per incolpare se stesse, arrivando alla conclusione che sia colpa loro, arrivando a pensare di non essere abbastanza in gamba e che anche impegnandosi al massimo non ce la faranno mai.

Abbiamo davanti agli occhi l'esempio perfetto di come una donna capace possa perdere contro un uomo profondamente impreparato.

Questo non è un fallimento del femminismo, ma un fallimento dell'America, e del maschio bianco americano in particolare. Nell'ultimo mezzo secolo le donne hanno fatto enormi conquiste: andare all'Università, avere accesso al mondo del lavoro, essere elette e arrivare ai piani alti, ottenendo risultati migliori degli uomini. Ma non è stato sufficiente raggiungere le più alte sfere o coprire posizioni che a lungo sono state appannaggio esclusivo dei maschi: le donne in posizioni di leadership costituiscono ancora un'esigua minoranza nel mondo degli affari, del diritto, della politica e della scienza. 

Molte di noi, femministe e non, si sono chieste perché non ci stiamo arrivando. E siamo arrivate alla conclusione che non può essere solo questione di sessismo. 

Forse non negoziamo abbastanza. Forse non ci valorizziamo abbastanza. Forse non usiamo un tono di voce abbastanza fermo e risoluto da risultare autorevole. Forse non siamo sufficientemente combattive o lo siamo troppo, o siamo troppo belle o non lo siamo abbastanza. Forse passiamo troppo tempo focalizzate sui nostri bambini e la nostra famiglia. Forse siamo donne che figli hanno deciso di non averne e quindi siamo delle carrieriste troppo ambiziose.

Forse non è colpa nostra. Forse è il fatto che la maggior parte della storia americana ha dato una serie di schiaffi in faccia alle donne. Abbiamo dovuto combattere con tutte le nostre forze per ottenere il diritto di voto, perché la violenza contro di noi venisse presa sul serio, per avere il diritto di fare ciò che vogliamo con il nostro corpo. Il maschio bianco molte di queste cose le ha sempre avute: fin dalla fondazione di questo Paese gli uomini bianchi hanno potuto contare su una serie di diritti e privilegi che noi donne ci abbiamo messo un secolo a conquistare, lottando. 

Spesso abbiamo perso e ci siamo rimesse a combattere. E continueremo a farlo. Ma questo è un colpo basso, sferrato dalla misoginia, molto duro da incassare. E fa male.

Da Cosmopolitan.com

Giorgia Crea
Lifecoach
CONDIVIDI
Così ho fatto la bartrender: Giorgia Crea ti racconta come ha raggiunto il suo sogno
3 consigli per uscire dalla comfort zone e realizzarti nella vita e sul lavoro
Lifecoach
CONDIVIDI
5 app utilissime per la tua sicurezza personale
La tecnologia va in difesa delle donne e ti aiuta ad aggirare i pericoli
leah vernon fashion blogger nera musulmana e curvy
Lifecoach
CONDIVIDI
"Non rientro nei canoni della società, e allora?" Leah Vernon, la blogger nera, curvy e musulmana che difende la diversità
💪💪💪
La scrivania volante
CosmoJob
CONDIVIDI
Zuckerberg scansati, la rivoluzione dei computer l'hanno fatta le donne!
Cosmopolitan è stato il primo giornale a dirlo... 50 anni fa
ragazza che balla
Lifecoach
CONDIVIDI
Perché ballare è la cosa migliore che puoi fare per cambiare la tua vita
Avrai un lato B come J.Lo
facebook strumenti per la prevenzione dei suicidi
Lifecoach
CONDIVIDI
Facebook amplia il Safety Center con la nuova sezione prevenzione suicidi. Ecco cosa puoi fare
In occasione del World Suicide Prevention Day, Facebook ha parlato ai suoi utenti degli strumenti messi a disposizione dalla piattaforma,...
La scrivania volante
Lifecoach
CONDIVIDI
Come capire se uno stage è una fregatura o un'opportunità?
Il primo segnale che non si tratta di un vero tirocinio è quando non hai nulla da imparare (e il rimborso spese è ridicolo)
Lifecoach
CONDIVIDI
Nel mondo dei fumetti c'è spazio per le donne. Parola di Cinzia Leone
Il mondo del fumetto è sempre più femminile. Lo rivela Cinzia Leone, una delle prime autrici di graphic novel donne in Italia
La scrivania volante
CosmoJob
CONDIVIDI
Se sei vittima di stalking sul luogo di lavoro puoi chiedere il licenziamento del tuo molestatore
Lo dice un accordo siglato tra le imprese e i sindacati: ecco come funziona
Ragazza inseguita da un molestatore seriale
Lifecoach
CONDIVIDI
Gli stalker ora possono restare impuniti, basta che paghino: cosa succede
È colpa di una grave svista in una nuova legge: facciamo sentire la nostra voce perché venga cambiata