12 problemi che devi affrontare se hai l'accento abruzzese

Tendi a ululare e hai la lingua d'acciaio inox, però sei in grado di combattere il MALE!

Più Popolare

1. Nessuno riconosce il tuo dialetto. Lo scambieranno per un qualunque dialetto centro-meridionale. Accetterai di passare per romano, napoletano, anche umbro. La tua lingua non è alla portata di tutti, è di nicchia: è così che consolerai il tuo grosso orgoglio, tipico del ragazzo abruzzese.

2. Aggredirai per riflessi innati chi ti scambia per marchigiano. E non è per il marchigiano in sé, ma è il Baobao, l'Uomo Nero, Satana o lo Stato: un concetto di nemico necessario all'unità psico-locale.

Advertisement - Continue Reading Below

3. Del resto, sei stato educato fin da piccolo all'odio verso il marchigiano. Saprai che è meglio un morto in casa che trovare un marchigiano dietro la porta, e che lui tira la pietra e nasconde la mano. Crescerai così con la paura di porte chiuse e pietre volanti, sovrastimerai i morti.

4. Al cinema sei ricordato in ruoli di contorno. Come il soldato bravo ragazzo un po' tonto con le pecore a casa. Sottotono rispetto alle macchiette del siculo, del veneto e del romano. Nei dialetti d'Italia resti fuori fuoco, idea vaga di gonzo campestre. Il grosso orgoglio rivendicherà celebrità dialettali come Maccio Capatonda e Aldo Biscardi, che in realtà è molisano (dirai però che il Molise era Abruzzo).

Più Popolare

5. Deciso a riscattarti, costruisci teorie linguistiche sempre più estreme. Dai rapporti con gli extraterrestri alla migrazione di popolazioni tibetane nel IV sec. a. C. (vedi le pubblicazioni della facoltà di Abruzzesologia, attiva anche su Facebook.

6. Sostieni in ogni occasione l'inno regionale. Che è poi l'unico esistente: Vola, Vola, Vola (di Lugi Dommarco, nato a Ortona) ricollocando l'Abruzzo come terra di nostalgie cavalleresche ("ove se mi vuoi baciare ti devi prima inginocchiare") contro il più ballabile e cretino Reginella Campagnola che sostiene il deleterio gonzismo campestre (vedi il punto 4).

7. Parli una lingua consonantica come l'arabo. Il suo suono principale sarà lo "sth"(sthrumento, sthrutto, sthurm und drang). Tenderai ora e sempre a cambiare le b con le d (e "quando" con "quanto", perché il tempo pesa e il peso dura, come ti ricorda l'Abruzzo nostalgico del punto 6). Praticherai un raddoppio generoso, dirai Abbruzzo e non Abruzzo, perché l'abruzzese spreme sempre. Si pronuncia "lu mmost" e non il mosto.

8. Se sei abruzzese di montagna tendi a ululare. Prendi per esempio l'articolo "ju" aquilano: ju Gran Sassu, ju caffè. Se vieni dai promontori marini, invece, stringi i denti con parsimonia dell'aria (Chit e non Chieti). Se sei di costa allaghi la vocale (Pishcaaara), se nasci in collina zappi e raddoppi (Terramo, Terramo).

9. Saluti con affetto augurando una morte violenta. Per esempio, "cheppuozzafalusanghe" (traduzione: che tu possa emettere sangue), da utilizzare in espressioni tipo: «Giovanni, oh cheppuozzafalusanghe, sarà un anno che non ci vediamo!».

10. Hai lingua d'acciaio inox e bruschetto lavapiatti. Lo richiedono i celebri scioglilingua: "Coma sting sting sempr stang sting"(traduzione: in qualsiasi modo io stia, sempre stanco sto), "Scine ca scine ma ca' scine in tutt'" (traduzione: va bene tutto, ma ora si sta esagerando).

11. Sei convinto che le lingue straniere discendano dal tuo dialetto. A New York, un abruzzese potrà stupirsi che strade così larghe si dicano street perché nel suo dialetto street significa stretto. Potrà ripetere compiaciuto vocaboli stranieri come Station, State, Stand, che esaltati dall'articolo preferito daranno le formule: 'Stha Sthation, 'Stho Sthate, 'Stho Sthand (vedi il punto 7).

12. L'abruzzese combatte il male. Tradizionale pratica locale è il diasill, deformazione di dies irae, una forma di antica preghiera. L'abruzzese sceglie un angolo riparato e per diverso tempo maledice l'universo intero e il suo contenuto. Il diasill dev'essere in forma di canzone, con rima baciata, può essere praticato da soli o in gruppo. Secondo alcune ricerche la recita quotidiana del diasill allevia l'ipertensione e i disturbi digestivi. Perché il dialetto abruzzese non è mai un problema per l'abruzzese, tutto il resto è Marche.

Nella foto: Maccio Capatonda alias Marcello Macchia, è nato a Vasto, dunque un grosso orgoglio per tutti gli abruzzesi, insieme a Rocco Siffredi. 

video gattini natale
Lifestyle
CONDIVIDI
I video dei gattini per le feste di Natale ti fanno capire perché ami i felini
Ci sono i gatti che quando il padrone non c'è fanno festa (e distruggono tutta la casa, ovvio)
Cucina e ricette
CONDIVIDI
I macarons con la coda da sirenetta ti svoltano la giornata con la loro magia
Non ti viene neanche voglia di mangiarli. Sono così belli che ti ipnotizzano
Viaggi
CONDIVIDI
22 rooftop bar più belli del mondo
I migliori rooftop bar del mondo dove bere un cocktail e godere di una vista spettacolare
Cinema
CONDIVIDI
Pronta per il secondo trailer ufficiale di Cinquanta sfumature di nero?
Erotico, misterioso, oscuro: il secondo trailer ufficiale di Cinquanta sfumature di nero è arrivato. Guardalo qui
Alla scoperta dei mercatini più belli e dei luoghi in Europa dove lo spirito del Natale ti scioglie il cuore
Viaggi
CONDIVIDI
Se a Natale vuoi la magia, vivila con i mercatini natalizi più belli d'Europa
12 mete scelte da Cosmo alla ricerca dello spirito delle feste: lucine in quantità, ghiottonerie e guance arrossate dal vento del Nord....
Peeled Potatoes
Cucina e ricette
CONDIVIDI
Hai sempre sbagliato a pelare le patate
Ci sono trucchi che ti svoltano la vita
10 dicembre è la giornata mondiale dei diritti umani: con Amnesty International puoi fare la differenza. Al 1° piano del Mercato Centrale Firenze una tavola rotonda a supporto della campagna 2016 "Write for Rights" per riflettere sull'impegno civile e una mostra delle opere in Lego realizzate da Ai Weiwei.
Lifestyle
CONDIVIDI
Il 10 dicembre al Mercato Centrale Firenze stai insieme all'arte per la difesa dei diritti umani
Perchè i luoghi della vita e i luoghi dell'arte non devono più rimanere separati
Florence
Cinema
CONDIVIDI
3 motivi per cui devi andare a vedere Florence al cinema
Non te lo puoi perdere! Due attori come Meryl Streep e Hugh Grant insieme, una storia divertente e dolce, insomma il film di Natale...
Libri
CONDIVIDI
10 libri da leggere assolutamente a dicembre e da regalare a Natale
Non hai ancora finito di comprare i regali? Corri in libreria: ecco alcuni cosmoconsigli per gli acquisti
Cucina e ricette
CONDIVIDI
80 Celeb ai fornelli per PAIDEIA
Nek prepara il ragù bianco, Omar Pedrini si cimenta nei capponi scappati, Nicola Savino inforna la pasta alla calabrese. Per scoprirlo non...