Le persone sono disposte a farti un favore più di quanto immagini. Lo dice la scienza

Hai sempre paura a chiedere un favore a un'amica perché non vuoi che ti risponda "no"? La scienza ti ha risolto il problema: è molto probabile che accetti di aiutarti. Ecco perché

Più Popolare
Advertisement - Continue Reading Below

Fai fatica a chiedere alle persone un favore perché hai paura che ti dicano di "no"? Uno studio dimostra che gli altri sono molto più propensi a venirti incontro di quanto immagini.

Per 10 anni, la psicologa Vanessa K. Bohns e i colleghi della Cornell University hanno intervistato centinaia di partecipanti a diverse ricerche e hanno posto domande a caso a circa 14 mila persone sconosciute (tra le domande c'erano «Puoi prestarmi il tuo telefono?», «Hai voglia di farmi compagnia per un po'?», «Mi fai da sponsor per una gara?»).

Più Popolare

La studiosa ha registrato le aspettative dei partecipanti nei confronti degli sconosciuti a cui chiedevano il favore e le risposte e la disponibilità di questi ultimi.

Ha notato che gli sconosciuti erano più propensi a dire "sì" e che i partecipanti sottovalutavano la risposta positiva delle persone a cui chiedevano.

E questo valeva anche nel caso fossero poste richieste più complesse. In uno studio, per esempio, Vanessa K. Bohns ha chiesto che i partecipanti convincessero estranei a fare atti di vandalismo in una biblioteca scrivendo a penna sulle pagine di più libri presi a caso. Nonostante si rischiasse qualche guaio, il 64% ha accettato la proposta. 

Tutto questo ha portato a una conclusione per i ricercatori: «Le persone sono troppo pessimiste e sottovalutano la loro capacità di influenzare gli altri e di convincerli a sostenere le loro richieste».

Perché allora le persone continuano a essere così timide quando devono chiedere un favore? Molti psicologi sostengono che sia a causa dello stress che si genera quando vuoi imporre qualcosa agli altri, oppure sia a causa della paura che rispondano di no e del timore che si esponga la propria incapacità a risolvere un problema. Vanessa K. Bohns, però, sostiene che i suoi studi non avvalorino questa tesi. Alcune volte sì, ma non sempre.

Molto più probabilmente, come scrive sulla rivista Psychological Science: «Questo fenomeno è dovuto al fatto che i richiedenti non capiscono quanto sia difficile per le persone interpellate dire di "no"».

Detto in un altro modo: Probabilmente non si rendono conto di quanto le persone facciano fatica a rifiutare (e non ci si rende neanche conto di quanto possa essere vantaggiosa questa situazione).

«Rifiutare una richiesta, rischia di offendere le persone. Una violazione delle norme sociali non esplicite che minerebbe un rapporto alle basi e metterebbe entrambe le parti in imbarazzo". Il risultato è che molte persone, anche se vorrebbero comportarsi diversamente, evitano il disagio di dire "no"».

Dire di "no" in faccia a una persona è anche molto più difficile di dire "no" con una mail. La stessa cosa vale per un messaggio, che probabilmente preferisci quando devi rifiutare qualche richiesta. Ti viene più facile farlo.

Se la prospettiva di sentirti dire "no" ancora ti spaventa, nonostante gli studi dimostrino che è molto facile che le persone accettino di aiutarti, prendi in considerazione la ricerca che suggerisce che un "no" può effettivamente dimostrarsi vantaggioso per te. Ed ecco come. Alcuni studi condotti dallo psicologo Robert B. Cialdini nel 1970 hanno scoperto che, in alcuni casi, quando le persone rifiutano una prima volta sono più propense ad accettare la richiesta della stessa persona per le volte successive. Gli psicologi la chiamano "La tecnica della porta in faccia".

Quindi vai avanti con coraggio, chiedi alle persone di farti un favore e ti accorgerai di quanto siano più disponibili di quanto immaginavi. Basta ricordarsi di restituire il favore alle persone che hai deciso di tenere care. Gli studi, infatti, dimostrano che la reciprocità è richiesta in qualsiasi tipo di rapporto se si vuole che duri a lungo.

Leggi anche:

kardashian famiglia figlio preferito scienza
Related Article

bionde intelligenza scienza
Related Article

Da: Cosmopolitan
La scrivania volante
CosmoJob
CONDIVIDI
LinkedIn e Spotify hanno creato la playlist della musica ideale da ascoltare al lavoro: provala!
C'è anche Adele (e pure Tiziano Ferro)
Giorgia Crea
Lifecoach
CONDIVIDI
Così ho fatto la bartender: Giorgia Crea ti racconta come ha raggiunto il suo sogno
3 consigli per uscire dalla comfort zone e realizzarti nella vita e sul lavoro
Lifecoach
CONDIVIDI
5 app utilissime per la tua sicurezza personale
La tecnologia va in difesa delle donne e ti aiuta ad aggirare i pericoli
leah vernon fashion blogger nera musulmana e curvy
Lifecoach
CONDIVIDI
"Non rientro nei canoni della società, e allora?" Leah Vernon, la blogger nera, curvy e musulmana che difende la diversità
💪💪💪
La scrivania volante
CosmoJob
CONDIVIDI
Zuckerberg scansati, la rivoluzione dei computer l'hanno fatta le donne!
Cosmopolitan è stato il primo giornale a dirlo... 50 anni fa
ragazza che balla
Lifecoach
CONDIVIDI
Perché ballare è la cosa migliore che puoi fare per cambiare la tua vita
Avrai un lato B come J.Lo
facebook strumenti per la prevenzione dei suicidi
Lifecoach
CONDIVIDI
Facebook amplia il Safety Center con la nuova sezione prevenzione suicidi. Ecco cosa puoi fare
In occasione del World Suicide Prevention Day, Facebook ha parlato ai suoi utenti degli strumenti messi a disposizione dalla piattaforma,...
La scrivania volante
Lifecoach
CONDIVIDI
Come capire se uno stage è una fregatura o un'opportunità?
Il primo segnale che non si tratta di un vero tirocinio è quando non hai nulla da imparare (e il rimborso spese è ridicolo)
Lifecoach
CONDIVIDI
Nel mondo dei fumetti c'è spazio per le donne. Parola di Cinzia Leone
Il mondo del fumetto è sempre più femminile. Lo rivela Cinzia Leone, una delle prime autrici di graphic novel donne in Italia
La scrivania volante
CosmoJob
CONDIVIDI
Se sei vittima di stalking sul luogo di lavoro puoi chiedere il licenziamento del tuo molestatore
Lo dice un accordo siglato tra le imprese e i sindacati: ecco come funziona