Prima di archiviare definitivamente nel file “uomini senza costrutto” l’avvocato/filosofo/botanico, decido saggiamente di usare questo peculiare incontro mancato per esplorare un territorio che, nonostante gli innumerevoli tentativi, risulta ancora in larga parte vergine: il cervello degli uomini.

Scrivo quindi a M. A., il mio guru personale, il più geniale trombamico che abbia mai varcato la soglia di casa mia.

Advertisement - Continue Reading Below

Gli espongo la questione con dovizia di particolari.

Il responso è questo:

«Niente di imprevedibile. Tu non eri più una conquista. Non c'era più il brivido della caccia. La preda era lì, e il fatto che si facesse frugare tra le gambe gli confermava che era figo. Il fatto che non ti abbia richiamata è probabilmente dovuto al fatto che ti abbia "data per scopata". Come se. Ti aveva individuata come one night stand, anche per le premesse, che non sembravano preludere a niente di più impegnativo. E non c'è stato nessuno scambio tra voi che potesse invogliare a repliche e approfondimenti. Ti ha archiviata perché non era più necessario sedurti. E siccome ha giudicato che non ci fosse vero interesse reciproco, togliendo anche quella parte un po' eccitante al vostro incontro, cosa restava?».

Più Popolare

Drammaticamente, il ragionamento è inattaccabile.

Useranno anche il pc e lo smartphone, l’iPod e l’iPad, il gps e la Playstation, ma andando al cuore della faccenda, gli uomini sono ancora fermi lì: al gioco della preda e del cacciatore. Come i nostri antenati delle caverne. Né più, né meno.

Inizio a scrivere sms alle amiche per organizzare una serata sufficientemente alcolica da cancellare ogni traccia di questa brutale rivelazione e nel frattempo mi domando: ma se a me di questo tizio non fregava niente (ma niente niente, sia chiaro), perché mi indispettisco?

Mentre, davanti allo specchio del bagno, metto il mascara, la risposta arriva, semplice nella sua evidenza: a me, “data per scopata” non l’aveva mai detto nessuno.

***

Leggi tutti gli episodi precedenti de "I diari del materasso"

I diari del materasso
CONDIVIDI
Non riesco più ad avere l'orgasmo
Esiste qualche consiglio o strategia per aggirare questo blocco psicologico?​
I diari del materasso
CONDIVIDI
Le dimensioni del pene contano davvero? Ecco cosa ne pensano le ragazze Millennial
Cosmopolitan.com ha intervistato 1100 persone per capire se fossero davvero interessate alle dimensioni del pene
Sesso occasionale
I diari del materasso
CONDIVIDI
La "mezza botta e via": fai sesso e poi scappa
Lui non ti soddisfa? Allora poche storie! Se la serata non è andata come ti aspettavi, meglio levare i tacchi prima che sia troppo tardi......
I diari del materasso
CONDIVIDI
9 episodio. Meglio non scherzare col fuoco
Elettra si interroga sui rischi della poligamia sui social
I diari del materasso
CONDIVIDI
8 episodio. Que viva el conejo
Elettra incontra un ragazzo spagnolo che le insegna le usanze del suo Paese
I diari del materasso
CONDIVIDI
7 episodio. Un mondo no global
Elettra è alle prese con un tizio tutto pettorali, un sogno premonitore e una rivelazione scioccante
I diari del materasso
CONDIVIDI
6 episodio. Uomini & condom
Elettra si interroga sull'uso del condom (questo sconosciuto) durante il sesso occasionale
I diari del materasso
CONDIVIDI
5 episodio. Non gli piaci abbastanza
In questo episodio Elettra si interroga: gli telefono o no?
I diari del materasso
CONDIVIDI
4 episodio. Antropologia del calciatore
Elettra incontra il vicino di casa, carinissimo ma (ahinoi) tifoso sfegatato
I diari del materasso
CONDIVIDI
2 episodio. Partiamo dal basso
Elettra è alle prese con i postumi di un primo appuntamento