6 errori che fai quando lavi i tuoi vestiti

Ogni volta che devi lavare i tuoi vestiti non sai come fare? Se l'etichetta e l'oblò della lavatrice ti lasciano ancora qualche dubbio, scopri gli errori che tutti fanno e che non dovresti più commettere​

Più Popolare

Quando sull'etichetta vedi il simbolo del "lavare a secco", pensi sempre che sarebbe meglio "Non lavare mai". Andare in tintoria è troppo costoso e, onestamente, non hai molto tempo per farlo. È anche vero, però, che se per un capo hai speso molto, non vorresti gettarlo con noncuranza in lavatrice anche se, in teoria, il lavaggio normale è garantito. Se qualcosa è costoso dovrebbe essere lavato a secco, giusto?

Advertisement - Continue Reading Below

Abbiamo parlato con Rachel Zoe, progettista e conoscitrice di tutto quello che è legato ai tessuti, per risolvere alcuni dilemmi da lavanderia. Rachel Zoe ha anche collaborato recentemente con Downy per progettare quattro capi di abbigliamento che siano al 100% lavanderia-friendly, ed ecco quali segreti ci ha rivelato:

Più Popolare

Mito 1: il lavaggio a secco impedisce al tuo capo di fare i trucioli o restringersi

Per quelle che preferiscono sempre (che non si sa mai!) lavare a secco i vestiti, si legga bene l'etichetta prima! Se c'è "non lavare a secco" significa che probabilmente il tessuto ha un particolare rivestimento che può essere rovinato dai solventi che si usano con questo trattamento, alias i tuoi vestiti potrebbero perdere pezzi mentre cammini per strada. Se questo è il caso, Rache Zoe dice che effettivamente lavare i vestiti in lavatrice potrebbe essere una buona soluzione. Insomma, tienili lontani dal lavaggio a secco!

Mito 2: l'ammorbidente non è necessario

L'ammorbidente protegge le fibre del tessuto dai danni dell'abrasione causati quando lavi o indossi un abito. Ai capi in lana succede la stessa cosa che succede ai capelli quando rimangono crespi perché non hai usato il balsamo. Se aggiungi l'ammorbidente quando lavi vestiti vecchi, lisci le fibre del tessuto, ne migliori l'aspetto e rendi anche i colori più vivaci.

Mito 3: Si consiglia di lavare il capo dopo averlo indossato anche solo una volta

Rachel Zoe dice: «Dovresti porre attenzione alle tue esigenze e a quelle dei tuoi vestiti. Per esempio io li lavo quando capisco che c'è bisogno. Gli eccessivi lavaggi, fatti anche quando non è necessario, sono un errore comune». Capi come i jeans o le camicie possono essere indossati un paio di volte senza lavarli, a meno che non siano macchiati, mentre altre cose, come la biancheria intima o gli abiti da palestra, devono essere lavati dopo averli tolti. Questo vale naturalmente se non indossi i pantaloni yoga per guardare la tv, in questo caso vanno bene anche due o tre usi prima di mandarli direttamente in lavatrice.

Mito 4: se lavi i vestiti nella lavatrice si restringono

«Penso che sia un equivoco che i vestiti si restringano in lavatrice. Se succede può essere a causa dell'asciugatrice. Se l'etichetta dice che possono essere lavati in lavatrice, significa che puoi farlo tranquillamente. Basta che poi si asciughino naturalmente e non in un'asciugatrice».

Mito 5: appendere i vestiti a una gruccia o con una molletta è il modo migliore per asciugarli

«A volte far asciugare i vestiti su un appendiabiti causa dei danni», dice Rachel Zoe. «Se la maglia è delicata, è possibile che il gancio lasci il segno. Alcune volte è meglio lasciarli appesi senza niente».

Mito 6: I capi in cashmere o seta devono essere lavati a secco

Il cashmere, il poliestere e la seta sono tessuti comunemente noti perché devono essere lavati a secco, ma, in realtà, va bene anche lavarli in una lavatrice. Ci sono i casi in cui sarebbe meglio evitare: quando sono di una fattura delicata e quando hai dei colori particolari. Per essere sicura non devi fare altro che leggere l'etichetta.

Leggi anche:

guardaroba vestiti
Related Article
Lavare vestiti
Related Article
Da: Cosmopolitan

COSA NE PENSI?

Accessori
CONDIVIDI
I moon boot sono inimitabili. Lo ha stabilito il tribunale
Ebbene sì, i moon boot sono così unici che è un reato imitarli ​​
Accessori
CONDIVIDI
Scopri chi è Nick Fouquet, il cappellaio per cui tutte vanno matte
​Nick Fouquet è il cappellaio californiano che tutte amano e che in Italia ha presentato le sue capsule collection in collaborazione con...
KENDALL JENNER WILLOW SMITH: BE COOL BE NICE con i filtri di Snapchat per la campagna contro il bullismo
Tendenze
CONDIVIDI
Kendall Jenner e Willow Smith insieme con i filtri di Snapchat contro il cyber-bullismo
Con un filtro a farfalla o ali d'angelo si possono fare miracoli!​
underboob sorelle kardashian
Moda
CONDIVIDI
13 volte in cui l'underboob per le Kardashian è stata una questione di famiglia
È l'alternativa ai capezzoli al vento
Borse
CONDIVIDI
24 mini borsette orribili che spopolavano nel 2003
Il 2003 è stato l'anno che ha sfornato le borsette più terrificanti della storia: minuscole, pacchiane, una più brutta dell'altra!​
Tendenze
CONDIVIDI
Il green è il nuovo nero
La nuova tendenza nella moda? L'ambiente! Un tema hot che sta a cuore a molti brand e lo dimostrano con collezioni dall'anima green​​
Moda
CONDIVIDI
Hu, la collezione di Pharrell Williams e Adidas che abbraccia l'umanità
A ritmo di pop rap Pharrell Williams ti porta dentro una nuova collezione Adidas ispirata alle diversità culturali, alla varietà e alla...
mono orecchino tendenza sfilate
Tendenze
CONDIVIDI
Il mono orecchino è la tendenza dalle sfilate che devi copiare subito
Finalmente una tendenza semplice: basta che lasci a casa uno dei due orecchini 🙌​​
anthony vaccarello parigi ss17
Moda
CONDIVIDI
Il copricapezzolo glitter sulle passerelle di Parigi ti acceca con i suoi bagliori
Se lo vede Miley Cyrus lo vuole subito!
FENTY x PUMA by Rihanna: la collezione sportswear di RiRi diventa couture nei colori pastello
Tendenze
CONDIVIDI
A Parigi Rihanna sfila a sorpresa per la sua collezione FENTY x PUMA
Evidentemente fare solo la designer non le basta più