Joseph Altuzarra non parla mai di lavoro con l'amico e collega Alexander Wang.

Il designer 29enne ha un piccolo giro di amicizie altolocate a New York con le quali però preferisce evitare argomenti professionali.

«Siamo tutti molto uniti. A New York c'è un po' l'idea di appartenere ad una piccola comunità. Siccome siamo cresciuti tutti insieme, cerchiamo sempre di supportarci a vicenda», ha spiegato Altuzarra alla rivista inglese Grazia.

Advertisement - Continue Reading Below

«Più di tutti gli altri, sono legato ad Alexander (Wang, ndr) ma non parliamo mai di lavoro! Anzi addirittura ci guardiamo bene anche dal discutere sugli ultimi film che abbiamo visto! Così anche quando emergono delle somiglianze nelle nostre creazioni, facciamo finta di niente. A dirla tutta abbiamo la stessa età, viviamo entrambi a New York, ma il modo in cui filtriamo la realtà attraverso la nostra arte è completamente diverso».

Più Popolare

Il designer di origine francese è inoltre grato alla comunità della moda di New York per averlo accolto a braccia aperte. Altuzarra non si è mai trovato bene con l'élite del fashion parigino per cui ha deciso di lanciare il suo business nella Grande Mela.

«A Parigi la creazione viene vista come un atto doloroso, quasi di “masochismo”. Una concezione che non mi trova per niente d'accordo», ha spiegato il designer.

«Mentre a New York c'è un forte senso di appartenenza ad una comunità che si è formata intorno alla straordinaria figura di Anna Wintour. Lei mi è stata di grande aiuto: dopo aver commercializzato la mia prima collezione, la Wintour ha chiamato Barneys per suggerirgli di vendere anche le mie opere. Una cosa che non succede tanto facilmente ovunque!».

D'altra parte Altuzarra ha sempre come musa di riferimento l'ex direttore di Vogue Francia, Carine Roitfeld, parigina doc.

«La mia cliente ideale è una donna, non una ragazza. Non ha più 25 anni, ma è comunque sexy e ama giocare con l'idea di seduzione e trasgressione. I miei design rispecchiano la dicotomia esistente tra la moda francese e quella americana. Da una parte infatti c'è un lato più pratico e funzionale, tipicamente newyorchese. Dall'altra però non rinuncio all'allure francese sensuale e sovversiva», ha spiegato raggiante lo stilista.

© Cover Media

sarahah app messaggi anonimi
Lifestyle
CONDIVIDI
Sarahah, la app di messaggi per recensire le persone a rischio cyberbullismo
Ha già milioni di iscritti, ma qualcuno (troppi) la usano come strumento per insultare
come si ricarica batteria cellulare
Lifestyle
CONDIVIDI
Hai sempre sbagliato a ricaricare la batteria del tuo cellulare. OPS!
Con questo metodo forse riuscirai a farla durare di più
piscine piu belle del mondo
Lifestyle
CONDIVIDI
Le piscine più belle (e strane) del mondo? Sono uno spettacolo in cui vorresti tuffarti subito
Queste 15 piscine ti faranno davvero sognare ad occhi aperti...
ikea cosa significa
Lifestyle
CONDIVIDI
Sai che cosa significa IKEA?
Spoiler: NON è una parola svedese (o meglio, non proprio)
Due hotel belli da fotografare a Los Angeles e a Santorini
Viaggi
CONDIVIDI
Gli hotel più instagrammabili del mondo
Fai spazio alla memoria dello smartphone: questi posti da sogno ti renderanno la regina del social
gatti vita che vorresti
Lifestyle
CONDIVIDI
14 prove che i gatti fanno la vita che vorresti fare tu
Il mondo degli umani sa essere crudele!
isole egadi dove andare
Viaggi
CONDIVIDI
Le vacanze da sogno? Alle Isole Egadi (anche a settembre)!
Le Isole Egadi sono un vero paradiso per le vacanze settembrine...
glass pool selfie
Lifestyle
CONDIVIDI
#glasspool è l'hashtag da usare se sei in una piscina da sogno (trasparente)
Potrebbe anche diventare un #glasspool #belfie (e i maschietti lo sanno bene)...
cani tuffi piscina
Lifestyle
CONDIVIDI
Max e Katie, i cani che fanno tuffi in piscina e si godono la bella vita
Max e Katie sono troppo divertenti!
flamingo in the pool
Lifestyle
CONDIVIDI
È definitivo, questa è l'estate del fenicottero gonfiabile (e le celeb ne sono la prova)
#flamingo = pioggia di cuoricini su IG