Più Popolare

Alber Elbaz è allergico alle persone che si prendono troppo sul serio.

ll direttore artistico di Lanvin è una persona umile e autoironica che non dà mai per scontato il proprio talento e per questo diffida da chi ha un'alta considerazione di sé.

«Odio le persone cool. Ne sono allergico, davvero! Se dovessi pensare di essere favoloso sarebbe l'inizio della fine», ha dichiarato lo stilista a Glenda Bailey di Harper's Bazaar in occasione del programma di interviste live di Master Class.

Advertisement - Continue Reading Below

«Ho sempre pensato di non essere poi tanto bravo come stilista e di non essere nemmeno tanto bello, ma è proprio da lì che trovo motivazione. Sono sempre alla ricerca della bellezza».

«Essere autentici è la cosa più importante. Il successo è come un profumo, puoi annusarlo ma mai berlo!».

Elbaz ha inoltre rivelato di essere spesso colto da ispirazione mentre è ai fornelli.

«Adoro mangiare. Sono grasso ma non me ne faccio un cruccio. Le idee più belle mi vengono mentre cucino. E io sono spesso in cucina...», ha dichiarato divertito il designer.

Più Popolare

In passato lo stilista ha lavorato per Geoffrey Beene e Guy Laroche e nel 1988 è stato assunto come direttore artistico di Saint Laurent, con il compito di riposizionare il brand dal pret-à-porter all'alta moda.

Elbaz ha raccontato di aver passato un periodo di grande angoscia per il prestigioso incarico nella maison e spesso si faceva lasciare dal taxi a diversi isolati dalla sede dell'azienda pur di non incontrare Yves-Saint Laurent in persona.

«Mi sentivo un po' come un genero, quel componente della famiglia che in fondo tutti detestano!», ha rivelato.

«Credo di essere entrato nella maison troppo giovane. Quando sono stato licenziato poi mi sono sentito davvero orfano».

Interrogato sulla vicenda di John Galliano, silurato da Christian Dior per aver proferito accuse antisemite e poi caduto in disgrazia per gravi dipendenze dall'alcol e dalle droghe, Elbaz ha voluto riprendere il concetto cristiano di perdono.

«È vergognoso quanto la gente abbia la memoria breve. Desidero solo portare ad esempio la Bibbia, e non perché io sia un grande religioso, anzi, ma in tutte le religioni, che sia l'islamismo, il giudaismo o il cristianesimo, il perdono è fondamentale. Per cui spero che il mondo lo perdoni!».

© Cover Media

Lifestyle
CONDIVIDI
Dimentica il beer pong! È arrivato il prosecco pong (e vogliamo giocarci subito)
Bollicine, please!
Cucina e ricette
CONDIVIDI
I cupcake pignatta a forma di unicorno è la cosa più deliziosa che tu possa mangiare
Guarda gli zuccherini colorati che escono dal suo "cuore"
cosmopolitan settembre 2017 copertina
Lifestyle
CONDIVIDI
Cosmopolitan di settembre 2017 è su smartphone e tablet
Scopri in anteprima di cosa parliamo questo mese
Lifestyle
CONDIVIDI
Guida ai castelli più belli di Game of Thrones, quale ti piacerebbe conquistare?
Da Fortezza Rossa a Alto Giardino, ecco tutto ciò che c'è da sapere sui castelli del Trono di Spade
sarahah app messaggi anonimi
Lifestyle
CONDIVIDI
Sarahah, la app di messaggi per recensire le persone a rischio cyberbullismo
Ha già milioni di iscritti, ma qualcuno (troppi) la usano come strumento per insultare
come si ricarica batteria cellulare
Lifestyle
CONDIVIDI
Hai sempre sbagliato a ricaricare la batteria del tuo cellulare. OPS!
Con questo metodo forse riuscirai a farla durare di più
piscine piu belle del mondo
Lifestyle
CONDIVIDI
Le piscine più belle (e strane) del mondo? Sono uno spettacolo in cui vorresti tuffarti subito
Queste 15 piscine ti faranno davvero sognare ad occhi aperti...
ikea cosa significa
Lifestyle
CONDIVIDI
Sai che cosa significa IKEA?
Spoiler: NON è una parola svedese (o meglio, non proprio)
Due hotel belli da fotografare a Los Angeles e a Santorini
Viaggi
CONDIVIDI
Gli hotel più instagrammabili del mondo
Fai spazio alla memoria dello smartphone: questi posti da sogno ti renderanno la regina del social
gatti vita che vorresti
Lifestyle
CONDIVIDI
14 prove che i gatti fanno la vita che vorresti fare tu
Il mondo degli umani sa essere crudele!