Vuoi diventare freelance? Crea il tuo personal branding

Vuoi diventare freelance? Crea il tuo personal branding. Abbiamo chiesto a Gioia Gottini, autrice dell'ebook "Tutto fa branding" i consigli su come realizzarlo

Più Popolare

Ci pensi da un po': ti piacerebbe lavorare per conto tuo, ma non sai da dove partire per diventare freelance. Vuoi un consiglio? Parti dal tuo personal branding. Abbiamo intervistato Gioia Gottini autrice dell'ebook "Tutto fa branding", una guida per creare il tuo branding personale edito da Zandegù editore (€ 9,99) in collaborazione con il sito C+B, "casa più bottega", dedicato alle imprenditrici e lavoratrici autonome. «Il personal branding ti aiuta a presentare al meglio chi sei e quello che fai, io dico sempre che è l'unione della tua personalità e del problema che risolvi con il tuo lavoro», dice l'esperta.

Advertisement - Continue Reading Below

A chi serve il personal branding?
«In particolare a chi lavora in proprio, come freelance, libero professionista, per chi ha un piccolo business on line: spesso la concorrenza è tanta, e per distinguersi e per farsi trovare dai clienti giusti serve un lavoro accurato sul proprio brand».

Quali sono gli step principali per crearne uno proprio?
«La prima cosa da chiarirsi è la propria mission: la motivazione, il proprio perché. Questo elemento diventa la base per costruire tutto il brand: cosa vendere, a chi, come comunicare, identificare il proprio stile e avere un'immagine coordinata».

Più Popolare

Quali sono gli aspetti che non possiamo assolutamente trascurare?
«Fondamentale è il discorso sul target, o meglio sul nostro cliente ideale. Serve identificare una persona (fittizia, ma che sia un mix di clienti veri o probabili) a cui ci rivolgiamo, per cui studiamo i nostri prodotti/servizi, con cui creiamo un dialogo coinvolgente e che apprezza non solo quello che facciamo, ma anche come lo facciamo, ossia il nostro stile. L'altro elemento non trascurabile è essere presenti on line, e non solo con un sito: ormai le persone ti cercano sui social e da quello che posti si fanno un'idea di te anche a livello professionale».

Per lavorare sul personal branding è fondamentale far emergere la propria unicità, in che modo possiamo tirare fuori la nostra originalità?
«Un esercizio che consiglio spesso a chi fa branding con me è quello di creare una bacheca Pinterest per illustrare il suo brand, in modo simbolico. Immagini, colori, frasi e paesaggi che rappresentano visivamente le "parole chiave" del brand. Per esempio io, che mi occupo di crescita professionale per le donne, ho tra le mie immagini-simbolo una piantina che cresce: da qui mi è venuta l'idea per il mio titolo "coltivatrice di successi", che è originale, rimane impresso e fa capire qualcosa in più di me e di come lavoro».

Ci suggerisci qualche esempio ben riuscito di personal branding tra i personaggi noti? Che cosa dovremmo osservare in chi ha centrato il proprio obiettivo?
«Tra i personaggi famosi, Taylor Swift: ha uno stile tutto suo, riconoscibile e fresco. Non punta, come molte colleghe, sul sex appeal esagerato, ma si propone come la fidanzatina d'America 2.0, educata, romantica, affettuosa con i fans. Il suo canale Instagram è seguitissimo e molto curato. Ha un sacco di amiche famose e si spende per promuoverle. La sua forza è la coerenza (di immagine, di personalità), ed è questa che bisogna copiare, al contrario, lanciare messaggi contradditori annacqua il nostro brand».

Sei l'ideatrice e fondatrice della Rete al femminile, cos'è e come funziona?
«Rete al Femminile è un network (e presto anche un'associazione) pensato per le donne che lavorano in proprio. È presente in circa 30 province ma cresce costantemente. Ci si ritrova on line e dal vivo per fare networking, per aiutarsi a vicenda, per collaborare e crescere insieme. E se nella tua città ancora non c'è? Creala tu!».

Leggi anche:

7 consigli per fare un business plan

8 errori da non fare se lavori da casa

COSA NE PENSI?

Lifecoach
CONDIVIDI
Come capire se lui sta pensando di lasciarti
Lui si comporta in modo strano e hai il timore che stia meditando di mollarti? Se vuoi salvare la tua relazione (o scappare a gambe levate...
Candidati in attesa di un colloquio di lavoro
CosmoJob
CONDIVIDI
Hai un colloquio? Carla Gozzi ti spiega come vestirti per avere quel lavoro
E no, il minidress abbinato al tacco 16 è meglio che te lo scordi...
Lifecoach
CONDIVIDI
Cyberbullismo: difenditi dalle bulle digitali
Il bullismo al femminile sul web è in aumento e fa male più di una rissa tra maschi. Lo dice la scienza. Che ti spiega perché ti...
CosmoJob
CONDIVIDI
Fai l'upgrade alla tua carriera con ELLE ACTIVE!
Su ELLE ACTIVE! si parla di donne e lavoro nell'ambito della tecnologia, smart working e come diventare una YouTuber di successo...​
43 cose che non dovresti mai fare in una relazione sana
Lifecoach
CONDIVIDI
43 cose che non dovresti mai fare in una relazione sana
​Quali sono i peggiori errori che le coppie commettono? Ce lo dicono i nostri esperti. Che ci spiegano anche come evitarli
La app di LinkedIn
CosmoJob
CONDIVIDI
LinkedIn Premium: cosa ti dà di più?
Se te lo chiedi ogni volta che vai sul tuo profilo professionale... ecco la risposta!​​
Lifecoach
CONDIVIDI
11 verità fondamentali della vita che abbiamo imparato da Samantha Jones di Sex and the City
​Samantha sì che ha capito tutto...​
Lifecoach
CONDIVIDI
Più fai durare le tue amicizie e più tu sarai felice
Più a lungo fai durare il legame con le tue amiche, più la tua salute migliora. Lo dice la scienza​​
14 momenti in cui essere single non è un vantaggio
Lifecoach
CONDIVIDI
14 momenti in cui ti senti DAVVERO single
Sei in pace con il tuo status di single... tranne in certe situazioni! Ecco quando avere un fidanzato tornerebbe decisamente utile
Lifecoach
CONDIVIDI
Credere in se stessi: le frasi migliori per far crescere l'autostima
​Per credere in te stessa devi usare le parole giuste. Ecco le frasi che ti aiutano ad avere fiducia in te in modo positivo​​