Sai usare gli emoji nelle email di lavoro senza sbagliare?

I pro e contro delle faccine & Co. in ufficio con i consigli per scegliere quelle giuste

Più Popolare

Non è sempre facile usare gli emoji giusti nelle email di lavoro. Anzi, secondo alcune ricerche, nelle comunicazioni professionali sarebbero proprio da evitare. Il motivo? Ai capi non piacciono. A dirlo è una ricerca di OfficeTeam, società di consulenza Usa: solo il 21% dei dirigenti intervistati ha dichiarato di approvare l'utilizzo delle emoticon da parte dei propri dipendenti, mentre il 39% lo ha bocciato definendolo un comportamento poco professionale. Qualcosa, però sta cambiando se il 40% ammette gli emoji, sebbene solo in alcuni casi.

Advertisement - Continue Reading Below

Insomma, appare davvero difficile arginare l'invasione di faccine & Co. nei messaggi di posta elettronica al lavoro, dopo che hanno ormai colonizzato quelle che ci scambiamo più volte al giorno nella sfera privata! Inoltre, gli esperti in leadership e carriera osservano che gli emoticon possono aiutare anche in ambito lavorativo a rendere le email più calde, empatiche e personali.

Jamie Widing di Atomic Object, altra società di consulenza Usa, ha lanciato un sondaggio sulla piattaforma gratuita SurveyMonkey e ha scoperto che, in realtà, gli emoji sul lavoro sono usati eccome. La maggior parte degli intervistati ha dichiarato di ricorrervi qualche volta (67,35%), di non essere affatto infastidito quando ne riceve (72,73%) e di utilizzarli soprattutto con i colleghi (54,55%). I più usati? 😀 69,15% 😏 25,53% 😕 5,32%.

Più Popolare

Insomma, in ufficio vince sempre la positività... 😉

In conclusione, servirsi di emoticon nelle email di lavoro oggi è una pratica sdoganata. Occorre, però, fare comunque attenzione perché quando scrivi in ufficio stai pur sempre rappresentando anche la tua azienda: così come soppesi le parole, è il caso di scegliere in modo oculato anche gli emoji. Inoltre, non sono sempre la mossa migliore: occorre valutare caso per caso. Per aiutarti a mettere la faccina giusta senza sbagliare, OfficeTeam ha stilato 5 consigli. Mettili in pratica.

1. Non esagerare

Evita di infarcire ogni email di faccine: potresti infastidire il destinatario del tuo testo, distrarlo o confonderlo. Ricorri a emoticon e disegnini vari in modo ragionato.

2. Chiediti chi è il tuo pubblico

In che tipo di azienda lavori? In un'agenzia web alla Google o in un studio legale superformale? Chiedertelo è fondamentale, perché nel primo caso l'uso delle faccine sarebbe del tutto normale, nel secondo apparirebbe inappropriato. E oltre alla policy aziendale, considera anche che tipo di relazione hai con il tuo interlocutore. Se è un amico, il pollice in su va benissimo, ma se è il tuo capo, e non è esattamente un tipo friendly, potresti trovarti nei guai.

3. Valuta la situazione

Se stai affrontando un problema molto serio, ricorrere alle emoticon può apparire superficiale o maleducato. Meglio evitare.

4. Scegli emoji che conosci

Oggi hai a disposizione centinaia di emoji, uno per ogni concetto, emozione, situazione. Prima di fare la tua scelta, assicurati di sapere cosa significa davvero. E che la persona cui è diretta sia in grado di capirla. L'ultima cosa di cui hai bisogno al lavoro è dare adito a equivoci e fraintendimenti!

5. Usa parole tue

Se non sei sicura al 100% che ricorrendo a un emoji otterrai un risultato migliore, concentrati piuttosto sulle parole. Scrivi in modo chiaro quello che vuoi dire, oppure prendi il telefono e spiegati a voce. Una simpatica chiacchierata è ancora il modo migliore per trasmettere emozioni.

Segui Adelaide su Twitter

CosmoJob
CONDIVIDI
Mark Zuckerberg si è laureato ad Harvard e ha svelato il segreto della felicità
La sua frase resterà scolpita nella pietra, nei secoli dei secoli
CosmoJob
CONDIVIDI
Perché dovresti dire «Ciao!» ai tuoi colleghi ogni mattina
Togliti gli auricolari e sorridi al tuo vicino di scrivania: ti conviene!
Ragazza che invia mail di lavoro dal mare
CosmoJob
CONDIVIDI
È il momento giusto per chiedere lo smart working
Sei pronta a dire addio alla tua scrivania? Con il lavoro agile ti siedi dove vuoi (pure in spiaggia...)
Cecilia Alemani curatrice del Padiglione Italia alla Biennale di Venezia 2017
CosmoJob
CONDIVIDI
Vuoi lavorare nell'arte? 5 dritte di Cecilia Alemani, curatrice del Padiglione Italia alla Biennale di Venezia
Se segui i suoi consigli, la tua carriera potrà trasformarsi in un capolavoro!
Ragazza che fa meditazione e si rilassa al lavoro
CosmoJob
CONDIVIDI
Arriva in Italia il massaggio in ufficio, il benefit aziendale che rende tutti felici
Se ti rilassi, produci di più: dillo al tuo capo!
Jobs Act lavoratori autonomi e partite iva
CosmoJob
CONDIVIDI
Sei freelance? Cosa cambia per te con il Jobs Act dei lavoratori autonomi
Il Senato ha approvato la legge che tutela freelance e Partite IVA. Scopri tutte le novità
CosmoJob
CONDIVIDI
6 cose che puoi imparare dalla serie Girlboss per ottenere ciò che vuoi nella vita e sul lavoro
Dalla sua passione per il vintage la protagonista di GirlBoss crea un'impresa da milioni di dollari: un esempio perfetto di girl power e...
Giovane donna felice al lavoro
CosmoJob
CONDIVIDI
Hai una startup? QVC lancia Next Lab, il programma che ti aiuta a sfondare
Si chiama QVC Next Lab e sostiene progetti innovativi al femminile: ecco come funziona
Partita IVA cose da sapere
CosmoJob
CONDIVIDI
Ho deciso di mettermi in proprio. Sarà una buona idea?
Hai deciso di aprire una società? L'esperta ti spiega tutto quello che devi sapere prima di tuffarti in questa nuova avventura
CosmoJob
CONDIVIDI
Dormire poco può influenzare il tuo lavoro in modo sorprendente
La mancanza di sonno ti provoca molto di più che un po' di stanchezza: lo dice un nuovo studio