Sai usare gli emoji nelle email di lavoro senza sbagliare?

I pro e contro delle faccine & Co. in ufficio con i consigli per scegliere quelle giuste

Più Popolare

Non è sempre facile usare gli emoji giusti nelle email di lavoro. Anzi, secondo alcune ricerche, nelle comunicazioni professionali sarebbero proprio da evitare. Il motivo? Ai capi non piacciono. A dirlo è una ricerca di OfficeTeam, società di consulenza Usa: solo il 21% dei dirigenti intervistati ha dichiarato di approvare l'utilizzo delle emoticon da parte dei propri dipendenti, mentre il 39% lo ha bocciato definendolo un comportamento poco professionale. Qualcosa, però sta cambiando se il 40% ammette gli emoji, sebbene solo in alcuni casi.

Advertisement - Continue Reading Below

Insomma, appare davvero difficile arginare l'invasione di faccine & Co. nei messaggi di posta elettronica al lavoro, dopo che hanno ormai colonizzato quelle che ci scambiamo più volte al giorno nella sfera privata! Inoltre, gli esperti in leadership e carriera osservano che gli emoticon possono aiutare anche in ambito lavorativo a rendere le email più calde, empatiche e personali.

Jamie Widing di Atomic Object, altra società di consulenza Usa, ha lanciato un sondaggio sulla piattaforma gratuita SurveyMonkey e ha scoperto che, in realtà, gli emoji sul lavoro sono usati eccome. La maggior parte degli intervistati ha dichiarato di ricorrervi qualche volta (67,35%), di non essere affatto infastidito quando ne riceve (72,73%) e di utilizzarli soprattutto con i colleghi (54,55%). I più usati? 😀 69,15% 😏 25,53% 😕 5,32%.

Più Popolare

Insomma, in ufficio vince sempre la positività... 😉

In conclusione, servirsi di emoticon nelle email di lavoro oggi è una pratica sdoganata. Occorre, però, fare comunque attenzione perché quando scrivi in ufficio stai pur sempre rappresentando anche la tua azienda: così come soppesi le parole, è il caso di scegliere in modo oculato anche gli emoji. Inoltre, non sono sempre la mossa migliore: occorre valutare caso per caso. Per aiutarti a mettere la faccina giusta senza sbagliare, OfficeTeam ha stilato 5 consigli. Mettili in pratica.

1. Non esagerare

Evita di infarcire ogni email di faccine: potresti infastidire il destinatario del tuo testo, distrarlo o confonderlo. Ricorri a emoticon e disegnini vari in modo ragionato.

2. Chiediti chi è il tuo pubblico

In che tipo di azienda lavori? In un'agenzia web alla Google o in un studio legale superformale? Chiedertelo è fondamentale, perché nel primo caso l'uso delle faccine sarebbe del tutto normale, nel secondo apparirebbe inappropriato. E oltre alla policy aziendale, considera anche che tipo di relazione hai con il tuo interlocutore. Se è un amico, il pollice in su va benissimo, ma se è il tuo capo, e non è esattamente un tipo friendly, potresti trovarti nei guai.

3. Valuta la situazione

Se stai affrontando un problema molto serio, ricorrere alle emoticon può apparire superficiale o maleducato. Meglio evitare.

4. Scegli emoji che conosci

Oggi hai a disposizione centinaia di emoji, uno per ogni concetto, emozione, situazione. Prima di fare la tua scelta, assicurati di sapere cosa significa davvero. E che la persona cui è diretta sia in grado di capirla. L'ultima cosa di cui hai bisogno al lavoro è dare adito a equivoci e fraintendimenti!

5. Usa parole tue

Se non sei sicura al 100% che ricorrendo a un emoji otterrai un risultato migliore, concentrati piuttosto sulle parole. Scrivi in modo chiaro quello che vuoi dire, oppure prendi il telefono e spiegati a voce. Una simpatica chiacchierata è ancora il modo migliore per trasmettere emozioni.

Segui Adelaide su Twitter

due ragazze e un ragazzo fanno gli animatori
CosmoJob
CONDIVIDI
I lavori perfetti se vuoi sentirti sempre in vacanza
Così non ti sembrerà neanche di lavorare!
La scrivania volante
CosmoJob
CONDIVIDI
Cosa fanno le persone di successo prima di andare al lavoro?
7 buone abitudini mattutine da copiare subito
CosmoJob
CONDIVIDI
Come trovare lavoro grazie alla tua personalità (sì quella autentica)
Sapevi che dentro di te hai dei super poteri che ti aiutano a brillare?
La scrivania volante
CosmoJob
CONDIVIDI
Perché ti conviene andare in vacanza per almeno 15 giorni
Se lavori troppo non fai carriera, lo dice la scienza
Una ragazza studia e lavora al computer in un parco durante l'estate
CosmoJob
CONDIVIDI
5 consigli per essere produttivi a lavoro anche d'estate
Il caldo ti dà alla testa e non riesci a concludere nulla?
CosmoJob
CONDIVIDI
Vuoi lavorare nella moda? Il corso di formazione firmato ELLE ti aspetta a Boston!
ELLE insieme al MIT di Boston e all'Università Complutense di Madrid presenta ELLE International Fashion & Luxury Management Program
monica regazzi intervista homepal
CosmoJob
CONDIVIDI
Intervista a Monica Regazzi. La finanza, la start-up e l'arte di essere donna
Ha sempre lavorato nella finanza, in mezzo agli uomini e ha consigli molto interessanti per chi vuole fare della propria idea un business
gender gap immagine kazunori shiina new york
CosmoJob
CONDIVIDI
Quest'immagine spiega il gender gap sul lavoro meglio di mille parole
Nella metropolitana di New York un art director ha creato un'installazione per sensibilizzare (soprattutto gli uomini) sul tema della...
La scrivania volante: lavoro da sogno in barca ai Caraibi
CosmoJob
CONDIVIDI
Sailsquare ti paga per girare il mondo in barca a vela (senza fare la skipper)
Ti interessa? Affrettati: in 12 ore sono arrivate oltre 400 candidature!
CosmoJob
CONDIVIDI
5 consigli per avere successo durante un colloquio di lavoro
E per dare un seguito super positivo al "Le faremo sapere"