Perché il modo in cui si sta parlando della segretaria di Caprotti ci fa arrabbiare

Tutti parlano della segretaria di Caprotti e dell'eredità milionaria ricevuta dal patron di Esselunga. Ma in un modo che ci fa arrabbiare (e sì, ha a che fare con il sessismo)

Più Popolare

Chi oggi non vorrebbe essere Germana, la segretaria di Caprotti? Il patron dei supermercati Esselunga le ha lasciato in eredità ben 75 milioni di euro. Una meritata ricompensa dopo 40 anni di onesto lavoro al fianco del suo principale. Immaginiamo che l'apertura del testamento sia avvenuta in presenza di uno stuolo di notai e avvocati, oltre che degli altri eredi, la seconda moglie, la figlia. Perfino i figli di primo letto, con cui Bernardo Caprotti aveva intentato una causa legale, risultano tra i beneficiari.

Advertisement - Continue Reading Below

Tutto regolare, dunque. Eppure… Eppure ci deve essere qualcosa che non va. Perché altrimenti, il sito del quotidiano più letto in Italia, il Corriere.it, pubblica una foto probabilmente scattata il giorno del funerale, dove Germana Chiodi, 68 anni, viene messa in evidenza all'interno di un cerchio rosso, come una criminale ripresa sul luogo del delitto da una camera nascosta? 

Magicamente, poche ore dopo quel cerchio viene rimosso, ma resta in chi l'ha visto un senso di disagio. Un effetto "lettera scarlatta", ribadito da articoli sensazionalistici che spiegano chi è la "destinataria di un'eredità da capogiro" che "elargisce molto ai nipoti e cura molto anche se stessa. Sempre vestiti firmati, palestra la mattina, parrucchiere. Gira con grosse auto aziendali…".

Più Popolare

Allo stesso tempo, però, si scopre anche che Germana Chiodi in realtà da molti anni non è più semplicemente una segretaria, ma ha un ruolo da dirigente. E che, pur essendo nel frattempo andata in pensione, è ancora la numero due in Esselunga. Se il destinatario del cospicuo lascito di Caprotti fosse stato un collaboratore uomo invece che donna, assunto come assistente a 20 anni per poi diventare manager nel corso di 40 anni di carriera (come è stato per Chiodi), avrebbe avuto lo stesso trattamento? La domanda sorge spontanea.

A quanto pare, ancora oggi in Italia una donna non può fare carriera raggiungendo il successo - che nel caso della segretaria di Caprotti è quantificabile in 75 milioni di euro e dunque particolarmente impressionante - senza che si ripresentino in modo inesorabile pregiudizi sessisti che si sperava appartenessero al passato.

Insomma, una segretaria è una figura doppiamente subalterna, in quanto assistente e donna, come le salta in mente di sedere tra i beneficiari di un'eredità industriale di simili portate? Doveva limitarsi a portare il caffè agli eredi. E cosa importa se è al vertice dell'azienda, con qualifica da top manager? Segretaria è stata, e segretaria resterà per sempre, nella mentalità preistorica che evidentemente alberga dentro le menti di alcuni italiani. Ma è poi davvero così? E il maggiore quotidiano nazionale, che peraltro dedica molto spazio alle istanze delle donne, deve farsi interprete di tali prospettive?

Fatto sta che oggi ci siamo svegliate di nuovo negli anni Cinquanta. Ma, è ora di dirlo, siamo doppiamente stufe, come assistenti o ex assistenti (chi non lo è stato almeno a inizio di carriera?) e donne.

Segretarie di tutt'Italia uniamoci, verrebbe da dire. Se svolgiamo bene il nostro lavoro, se facciamo carriera, se otteniamo successo, è perché ce lo siamo meritato (proprio come accade ai colleghi maschi, che pure guadagnano in media più di noi, come dicono diversi studi). E dunque abbiamo il diritto di non essere additate come delle potenziali sospette. E di regalarci abiti firmati, palestra e parrucchiere, non appena possiamo permetterceli, tutte le volte che vogliamo, senza sentirci colpevoli (e di cosa, poi?).

Segui Adelaide su Twitter

CosmoJob
CONDIVIDI
Mark Zuckerberg si è laureato ad Harvard e ha svelato il segreto della felicità
La sua frase resterà scolpita nella pietra, nei secoli dei secoli
CosmoJob
CONDIVIDI
Perché dovresti dire «Ciao!» ai tuoi colleghi ogni mattina
Togliti gli auricolari e sorridi al tuo vicino di scrivania: ti conviene!
Ragazza che invia mail di lavoro dal mare
CosmoJob
CONDIVIDI
È il momento giusto per chiedere lo smart working
Sei pronta a dire addio alla tua scrivania? Con il lavoro agile ti siedi dove vuoi (pure in spiaggia...)
Cecilia Alemani curatrice del Padiglione Italia alla Biennale di Venezia 2017
CosmoJob
CONDIVIDI
Vuoi lavorare nell'arte? 5 dritte di Cecilia Alemani, curatrice del Padiglione Italia alla Biennale di Venezia
Se segui i suoi consigli, la tua carriera potrà trasformarsi in un capolavoro!
Ragazza che fa meditazione e si rilassa al lavoro
CosmoJob
CONDIVIDI
Arriva in Italia il massaggio in ufficio, il benefit aziendale che rende tutti felici
Se ti rilassi, produci di più: dillo al tuo capo!
Jobs Act lavoratori autonomi e partite iva
CosmoJob
CONDIVIDI
Sei freelance? Cosa cambia per te con il Jobs Act dei lavoratori autonomi
Il Senato ha approvato la legge che tutela freelance e Partite IVA. Scopri tutte le novità
CosmoJob
CONDIVIDI
6 cose che puoi imparare dalla serie Girlboss per ottenere ciò che vuoi nella vita e sul lavoro
Dalla sua passione per il vintage la protagonista di GirlBoss crea un'impresa da milioni di dollari: un esempio perfetto di girl power e...
Giovane donna felice al lavoro
CosmoJob
CONDIVIDI
Hai una startup? QVC lancia Next Lab, il programma che ti aiuta a sfondare
Si chiama QVC Next Lab e sostiene progetti innovativi al femminile: ecco come funziona
Partita IVA cose da sapere
CosmoJob
CONDIVIDI
Ho deciso di mettermi in proprio. Sarà una buona idea?
Hai deciso di aprire una società? L'esperta ti spiega tutto quello che devi sapere prima di tuffarti in questa nuova avventura
CosmoJob
CONDIVIDI
Dormire poco può influenzare il tuo lavoro in modo sorprendente
La mancanza di sonno ti provoca molto di più che un po' di stanchezza: lo dice un nuovo studio