Cos'è l'intelligenza emotiva e perché ti aiuta ad avere una vita migliore

Per esempio ti rende flessibile, ti insegna a placare l'ansia e a vivere in armonia con gli altri

Più Popolare

Quante volte hai sentito parlare di intelligenza emotiva e ti sei chiesta che cos'è e perché è così importante? Benché a indagare sull'intelligenza emotiva siano stati studiosi diversi, i principali risultati si devono allo psicologo Daniel Goleman, autore di numerosi libri sul tema tra i quali Intelligenza emotiva scritto nel 1995, Intelligenza sociale, Leadership emotiva e Intelligenza emotiva. Che cos'è e perché può renderci felici.

Advertisement - Continue Reading Below

Che cos'è l'intelligenza emotiva

Per capire che cos'è l'intelligenza emotiva partiamo dal presupposto che le emozioni hanno per noi un'importante funzione. Dalla felicità alla tristezza, ogni emozione ti guida verso una direzione precisa: per esempio la paura serve a metterti in guarda di fronte a un pericolo, mentre la rabbia ti fa reagire di fronte a un'ingiustizia o a qualcosa che sai non va bene per te. L'intelligenza emotiva non è altro che un'intelligenza che nasce dalla consapevolezza delle nostre emozioni.

Goleman afferma che ben prima di sviluppare un cervello pensante esisteva un cervello emozionale che è la nostra parte più arcaica: di fronte a un pericolo, per esempio un'auto che arriva ad alta velocità, è il nostro cervello emozionale che ci fa scattare verso la fuga e metterci in salvo.

Scrive Goleman: «In un certo senso abbiamo due cervelli, due menti e due diversi tipi di intelligenza: quella razionale e quella emotiva. Il nostro modo di comportarci nella vita è determinato da entrambi, non solo dal QI, ma anche dall'intelligenza emotiva, in assenza della quale l'intelletto non può funzionare al meglio».

Possiamo usare questa frase di Goleman per definire l'intelligenza emotiva come

La consapevolezza dei propri sentimenti nel momento stesso in cui si presentano.

Più sappiamo riconoscere e gestire al meglio le nostre emozioni, meglio sappiamo usare la nostra intelligenza emozionale e usarla nella vita per stare bene e avere successo.

Intelligenza emotiva: applicazioni

L'intelligenza emotiva viene usata praticamente in ogni ambito della vita, dalle relazioni al lavoro: «Il successo nel lavoro non dipende solo dal quoziente d'intelligenza ma da molti altri fattori e da altre caratteristiche, ossia dall'intelligenza emotiva: si tratta ad esempio della capacità di motivare se stessi e di persistere nel perseguire un obiettivo nonostante le frustrazioni, di controllare gli impulsi e rimandare le gratificazioni, di modulare i propri stati d'animo evitando che la sofferenza ci impedisca di pensare e, ancora, la capacità di essere empatici e di sperare».

Sviluppando l'intelligenza emotiva puoi esprimere meglio te stessa, perché riconosci i sentimenti nel momento in cui li vivi, ma puoi anche gestire meglio l'ansia e i rapporti con gli altri grazie proprio all'empatia cioè alla capacità di leggere e riconoscere le emozioni negli altri.

Applicata al lavoro, l'intelligenza emotiva ti permette di essere una leader efficace capace di entrare in sintonia con i tuoi collaboratori e di motivarli facendo leva sulle emozioni che fanno stare meglio come la gioia.

«Il buon umore - scrive Goleman - finché dura, aumenta la capacità di pensare in modo flessibile, consentendo di raggiungere livelli di complessità maggiori e semplificando la risoluzione dei problemi».

In altre parole, l'ottimismo è un atteggiamento che favorisce l'intelligenza emotiva perché impedisce di scivolare nell'apatia o nella depressione.

Aldilà dei test d'intelligenza emotiva, per essere una persona emotivamente intelligenze è importante sviluppare alcune caratteristiche. Ecco quali:

  1. Essere consapevole delle tue emozioni. Certo, non è facile riuscire a riconoscere le proprie emozioni nel momento in cui le stai vivendo, è un'abilità che va allenata. Per iniziare puoi tenere con te un diario dove scrivere quello che provi e analizzarlo.
  2. Saper parlare delle tue emozioni. Una volta che sai riconoscerle ti sarà anche più facile esprimere nella maniera più corretta i sentimenti che provi.
  3. Essere empatica ossia riconoscere le emozioni degli altri e rispettarle.
  4. Sviluppare l'intelligenza sociale. Le persone emotivamente intelligenti hanno anche ottime abilità sociali, proprio perché hanno imparato a modulare le proprie emozioni, a riconoscere quelle degli altri e a rapportarsi in modo adeguato.
Sheryl Sandberg mentre parla a un convegno
Lifecoach
CONDIVIDI
«Così le mie amiche mi hanno aiutato ad avere successo»
Parola di Sheryl Sandberg direttore operativo di Facebook e fondatrice di LeanIn.org
due ragazze e un ragazzo fanno gli animatori
CosmoJob
CONDIVIDI
I lavori perfetti se vuoi sentirti sempre in vacanza
Così non ti sembrerà neanche di lavorare!
nonna è imbattibile
Lifecoach
CONDIVIDI
Perché tua nonna è imbattibile (e fa di te una super donna)
Saprà darti il consiglio giusto. Sempre
La scrivania volante
CosmoJob
CONDIVIDI
Cosa fanno le persone di successo prima di andare al lavoro?
7 buone abitudini mattutine da copiare subito
glow serie tv netflix
Lifecoach
CONDIVIDI
Tutto quello che la serie tv Glow ti svela sull'amicizia tra donne
Perché quando le donne si alleano tra loro sono una vera forza della natura!
app per organizzare
Lifecoach
CONDIVIDI
Sei una maniaca dell'organizzazione? Ecco 7 app da avere sul tuo smartphone
Nulla sfuggirà più al tuo controllo!
assorbenti gratuiti
Lifecoach
CONDIVIDI
Assorbenti gratuiti? È partito un progetto pilota in una città del Regno Unito
Un primo passo importante per tutte
come staccare dal lavoro e goderti le vacanze
Lifecoach
CONDIVIDI
5 dritte per staccare (davvero) dal lavoro e goderti le vacanze
Sì, puoi farcela ad andare offline e a goderti le ferie sul serio!
CosmoJob
CONDIVIDI
Come trovare lavoro grazie alla tua personalità (sì quella autentica)
Sapevi che dentro di te hai dei super poteri che ti aiutano a brillare?
La scrivania volante
CosmoJob
CONDIVIDI
Perché ti conviene andare in vacanza per almeno 15 giorni
Se lavori troppo non fai carriera, lo dice la scienza