​21 cose che solo chi ha avuto genitori severi può capire

​Ormai è acqua passata: però chi ha passato l'adolescenza a combattere con genitori severi, certe cose non le dimentica...

Più Popolare

1. Eri sempre la prima ad andartene, mentre tutti i tuoi amici rimanevano ancora a divertirsi.

2. Per anni l'unico modo per poter passare una serata in discoteca con gli amici è stato accettare che ti venisse a prendere tuo papà. A mezzanotte spaccata. 

3. Chiedere il permesso di dormire da un'amica implicava una descrizione dettagliata della famiglia di lei (professione del padre e della madre, numero di fratelli e sorelle, media scolastica) e un giuramento sulla Bibbia che non avresti né bevuto né fumato. 


Advertisement - Continue Reading Below

4. Quando dovevi chiedere ai tuoi l'autorizzazione a fare qualcosa ti allenavi allo specchio, cercando di prevedere ogni possibile domanda e obiezione che avrebbero potuto farti: anche le più assurde. (E, spesso e volentieri, ci azzeccavi).

5. E comunque, prima di fare qualsiasi richiesta dovevi monitorare bene l'umore familiare: se beccavi un momento di nervosismo… addio!


6. A volte mettevi su la faccia del cane bastonato, facevi un sospiro e pronunciavi questa frase d'attacco: «Volevo chiedervi una cosa, ma vabbè, niente… tanto mi direte di no...". Era un tentativo per muoverli a compassione e predisporli positivamente. Oh, a volte funzionava! 

Più Popolare

7. Domandavi una volta, una sola, ai tuoi genitori se potevi passare la serata a casa di qualcuno. Non hai mai capito perché i tuoi amici pensassero che "domandare di nuovo" potesse fare la differenza. 

8. Dovevi sempre scegliere tra uscire il venerdì o il sabato sera: impossibile che i tuoi ti dessero il permesso per entrambe le sere. 

9. Mentivi continuamente. Su tutto. Lo fai ancora.


10. Non hai mai detto parolacce finché non sei andata all'università.

11. Nessuno ti ha mai fatto "il discorso" (quello su ciclo mestruale, sesso, contraccezione): al massimo hanno piazzato sul tuo letto un libro illustrato, lasciando che traessi da sola le conclusioni.

12.  A tavola si parlava del tuo rendimento scolastico oppure dei tuoi programmi di studio futuri, mai della tua vita sociale o sentimentale. D'altra parte, secondo i tuoi genitori, tu non avevi né l'una né l'altra. 

13. Ancora oggi, quando ti vesti, ti viene automatico chiederti cosa penserebbero loro del tuo outfit. Tra le medie e le superiori hai trascorso 8 anni combattendo a proposito della lunghezza della tua gonna o del grado di aderenza delle tue T-Shirt.


14. Farti i buchi alle orecchie era il massimo della trasgressione che potessi permetterti. Solo accennare all'idea di tingerti i capelli di un colore strano, farti un tatuaggio o anche un secondo buco alle orecchie, avrebbe potuto scatenare l'inferno.

15. I tuoi cercavano sempre di proporsi come accompagnatori durante le gite scolastiche

16. Quella volta che il figlio di un amico dei tuoi ti ha visto con una sigaretta in mano e ha minacciato di spifferare tutto, il suo silenzio ti è costato due settimane di paghetta.

17. Le buone maniere erano tutto. «Non vogliamo che la gente pensi che sei stata allevata da un branco di lupi», ti dicevano. E a tavola, se non piazzavi subito il tovagliolo sulle ginocchia, partiva il pippone: «Come possiamo mandarti in giro se ancora non metti il tovagliolo sulle ginocchia!». 

18. La tua reazione istintiva all'idea che le tue amiche potessero ospitare in casa i loro fidanzati era di evidente stupore (e strisciante invidia).

19. Quando frequentavi un ragazzo dovevi dargli appuntamento in altro quartiere ed evitare comunque ogni atteggiamento intimo con lui per la strada: se ti avesse visto qualcuno e lo avesse detto a tuo padre, sarebbero stati guai serissimi.


20. Se non rispondevi al cellulare quando ti chiamavano, supponevano subito che tu stessi fumando "quelle canne" con "quella tua amica" che loro erano SICURI ti avrebbe portato sulla cattiva strada.

21. Per anni il tuo concetto di ribellione era sognare di prendere decisioni estemporanee e andare in giro in infradito.

Ragazza che lavora come cameriera in un ristorante
CosmoJob
CONDIVIDI
Cosa sono i voucher e perché almeno 4 tue amiche sono ancora pagate così
Un decreto legge elimina i voucher lavoro: ma è la decisione giusta?
Ragazza che si fa un selfie
CosmoJob
CONDIVIDI
Ora su LinkedIn trovi i filtri per caricare una foto professionale che spacca
Cosa aspetti a usare il filtro Guru?
CosmoJob
CONDIVIDI
8 tecniche infallibili per sconfiggere i pregiudizi di genere e farti rispettare dai colleghi uomini
Perché se un uomo si impone in ufficio passa per uno "serio", mentre una donna in carriera viene presa per una "arrabbiata"?
Ragazza che illustra il suo progetto di lavoro
CosmoJob
CONDIVIDI
Hai un'idea geniale? Ecco come trovare i soldi grazie al crowdfunding
Ecco tutto quello che devi sapere per finanziare il tuo fantastico progetto
Giovani donne al lavoro in un ufficio
CosmoJob
CONDIVIDI
21 aziende dove tutte le donne vorrebbero lavorare
La classifica Best Workplaces Italia 2017 premia le compagnie che offrono le migliori condizioni di lavoro: qui trovi quelle dove le donne...
Lifecoach
CONDIVIDI
Il tuo cane ti avverte se qualcuno è una cattiva persona: lo dice la scienza
Fidati del suo istinto!
Due amiche sdraiate insieme al sole
Lifecoach
CONDIVIDI
Amiche per sempre: i 3 segnali che vi uniscono come anime gemelle
Siete due anime gemelle destinate a rimanere amiche per sempre? Leggi i segnali!
Bebe Vio nel backstage della campagna Sorgenia
Lifecoach
CONDIVIDI
Bebe Vio: "Mi piace divertirmi, amo le sfide e rompo le scatole per avere una gamba tacco 12"
Bebe Vio, nuova testimonial di Sorgenia, in questa intervista ci dà un vero booster di energia positiva
Giovanna d'Arco film
Lifecoach
CONDIVIDI
16 cose che le donne coraggiose non fanno
Non si raccontano frottole, ad esempio. E non inventano mai scuse. Vero?
Lifecoach
CONDIVIDI
Credi di non essere una femminista? 10 pensieri illuminanti che ti faranno cambiare idea
Le statistiche dicono che solo il 29% delle donne americane e il 42% delle donne inglesi si ritiene una femminista. Ma tu sai cosa...