Sport e ciclo no problem! Non ci sono controindicazioni

Non farti frenare dai piccoli malesseri: prova ad allenarti anche in quei giorni. E ritrovi la carica

Più Popolare

Uffa, hai il ciclo... Un po' di doloretti, ti senti gonfia, hai mal testa. Di allenarti non hai proprio voglia. E la stessa cosa succede al 20% delle donne italiane. Eppure, proprio l'attività fisica può essere la soluzione ai tanti piccoli disturbi di quei giorni: «Non ci sono particolari controindicazioni. Anzi, il movimento aiuta a mettere in circolo le endorfine, sostanze prodotte dall'ipofisi che hanno un'attività analgesica. Lo sport, inoltre, può rivelarsi un buon rimedio alla tensione muscolare e alla ritenzione idrica e migliorare il tono dell'umore», spiega la dottoressa Giulia Zinno, dell'Associazione ginecologi consultoriali. Ecco le dritte per fare fitness al meglio quando hai il flusso.

Advertisement - Continue Reading Below

OCCHIO ALL'OUTFIT

No ai tessuti sintetici tradizionali: molto meglio il cotone o le fibre hi-tech di nuova generazione, che sono supertraspiranti, così eviti che il binomio leggings-assorbente crei un terreno fertile per infiammazioni e infezioni. «Per la stessa ragione, quando hai il ciclo no anche all'abbigliamento troppo attillato: punta su un look comodo e confortevole», dice l'esperta.

SCEGLI GLI ASSORBENTI GIUSTI

Hai due alternative: usare il classico tampone interno o provare le nuove coppette mestruali. «Queste ultime garantiscono una protezione totale fino a 12 ore e consentono di praticare ogni tipo di sport (e anche di avere rapporti sessuali) durante il ciclo. Tra l'altro, sono realizzate in uno speciale materiale ipoallergenico molto morbido, quindi non c'è il rischio di abrasioni da attrito, non le senti quando ti alleni e non si spostano, perché aderiscono perfettamente alle pareti della vagina», chiarisce la ginecologa. Ricorda, però, che non hanno funzione contraccettiva, che non proteggono dalle malattie sessualmente trasmissibili e che non vanno bene se usi la spirale o un dispositivo anticoncezionale intrauterino, che potresti rimuovere per errore mentre le estrai.

Più Popolare

CHIEDI AIUTO AGLI INTEGRATORI

Fatti consigliare dal tuo medico o dal farmacista: un complesso di vitamine e minerali ad hoc ti potrà fornire i nutrienti giusti per affrontare l'allenamento senza avvertire la fatica e il malessere. «Magnesio, calcio e potassio, per esempio, servono a contrastare gli spasmi uterini e i crampi muscolari e alleviano il mal di testa. Contro i dolori funzionano bene anche le piante, come la verbena che, in più, serve a contrastare la ritenzione idrica: lascia in infusione 25 grammi di foglioline secche in 600 ml di acqua bollente per 10 minuti, filtra e bevi tre tazze al giorno. Se, quando ti alleni, oltre ai dolori avverti una sensazione di nausea, puoi usare lo zenzero. Tra i rimedi omeopatici, il cuprumacetum ha un'attività antinfiammatoria e antidolorifica. Infine, se hai bisogno di energia, vai di carnitina», suggerisce Zinno.

METTI KO IL DOLORE

I rimedi naturali non bastano e i crampi ti tengono lontana dalla palestra? Parlane con il ginecologo: «Ti prescriverà farmaci antidolorifici o antinfiammatori, oppure valuterà se somministrarti dei miorilassanti, che allentano la tensione della muscolatura uterina».

LA PRIMA COLAZIONE È UN MUST

Soprattutto quando si fa sport, il breakfast è il pasto più importante della giornata. A maggior ragione se hai il ciclo, che ti mette ko: per evitare di sentirti debole mentre ti alleni, deve essere molto sostanziosa, quasi come un pasto completo, e prevedere carboidrati e proteine. Ti servono anche i minerali e, in particolare, il ferro: con il flusso mestruale, infatti, se ne perde parecchio e puoi reintegrarlo mangiando uova, mandorle o noci.

VAI DI CARBOIDRATI E PROTEINE

L'alimentazione è fondamentale per poterti allenare anche quando hai le mestruazioni senza esporre l'organismo a pericolose carenze. La dieta deve essere variata, sana e completa: «Via libera a frutta, verdura e cereali integrali, per combattere la stitichezza e ridurre il gonfiore addominale», consiglia l'esperta. Poi, ti servono una dose adeguata di carboidrati (circa il 60% della quota giornaliera di nutrienti), che riforniscono il corpo di energia, e le proteine nobili della carne bianca, che rinforzano i muscoli. «Sono da evitare, invece, le bevande eccitanti come tè o caffè, che possono aumentare l'irritabilità, e il sale: provoca ritenzione idrica che ti fa sentire goffa e poco sciolta quando ti alleni».

COCCOLA LA ZONA INTIMA

Se sudi molto, l'igiene deve essere particolarmente attenta. Il rischio, altrimenti, è quello di ritrovarti con fastidiose irritazioni: «Per lavarti usa un detergente neutro ad azione emolliente, poi asciugati bene e indossa biancheria in fibra naturale».

IN VASCA CON IL TERMOMETRO

Se il ciclo non è troppo abbondante, una nuotata a ritmo blando rilassa la muscolatura uterina e migliora il tono dell'umore. «Ma non devi restare a mollo troppo a lungo.>Meglio anche rinunciare a bagnarsi se l'acqua è troppo calda o, viceversa, troppo fredda: si rischiano crampi e alterazioni del flusso».

PROTEGGI LE GINOCCHIA

Durante il ciclo mestruale, l'organismo rilascia alcune sostanze, come l'ormone relaxina, in grado di "ammorbidire" tendini e legamenti. Quindi, sei più esposta al rischio di traumi e lesioni di cartilagini e legamenti, soprattutto quando pratichi attività come il jogging o che prevedono salti, per esempio l'atletica. In questa fase, dunque, stai alla larga dai terreni scoscesi e rinuncia ai cambi di direzione improvvisi. Evita di fare esercizi troppo pesanti per le ginocchia: scegli un allenamento più blando e meno d'impatto.

SE FAI ATTIVITÀ AGONISTICA

Quando hai le mestruazioni, l'organismo non è al 100%, quindi, se ti alleni in modo intensivo o sei una sportiva professionista, devi prendere qualche precauzione in più: «Nel primi giorni del ciclo, conviene ridurre un po' l'intensità dello sforzo e accorciare le sessioni, per evitare di sottoporre il fisico a uno stress eccessivo», consiglia la dottoressa Giulia Zinno. Inoltre, bisogna aumentare il consumo d'acqua, >per compensare la perdita di liquidi, soprattutto se il flusso è molto abbondante, ed eventualmente ricorrere a integratori ad hoc, come il magnesio, che aiuta i muscoli nella fase di recupero.

Ginecologia
CONDIVIDI
Perché il seno è più gonfio durante il ciclo mestruale
In quei giorni, il tuo seno ti sembra pesante come il piombo. Scopri perché
Via fastidi e malesseri legati alle mestuazioni con i trucchi di Cosmo
Ginecologia
CONDIVIDI
Vuoi eliminare tutti i fastidi del ciclo? Ti aiuta Cosmo
Se vuoi davvero svoltare quando hai il ciclo, leggi qui!
Ginecologia
CONDIVIDI
22 modi in cui gli ormoni influiscono sul tuo corpo (e sulla tua mente) durante tutto il mese
Cosmo ti spiega che cosa aspettarti e quando, in modo da evitare che gli ormoni ti rovinino la giornata
Ginecologia
CONDIVIDI
9 cose che non sapevi sulle infezioni da lieviti
Potresti averne una e non saperlo. Ma non è niente di allarmante, rilassati e leggi qui!
sanitary towel, tampon, period
Ginecologia
CONDIVIDI
Ecco perché il ciclo mestruale potrebbe interferire con la qualità del sonno
Eh già, i crampi e gli sbalzi d'umore potrebbero non essere l'unico inconveniente con cui convivere...
endometriosi
Ginecologia
CONDIVIDI
Tutto quello che devi sapere sull'endometriosi
L'endometriosi è una patologia molto complessa e molto frequente. Ecco tutto quello che devi sapere
Ginecologia
CONDIVIDI
Cinque cose che non sapevi sui peli pubici
Sono sempre stati lì!
kit intimo in viaggio
Ginecologia
CONDIVIDI
Le dritte dell'esperta per una vacanza on the road a prova di igiene e salute intima
Stai programmando una mega vacanza on the road per la prossima estate? Ecco le dritte dell'esperta per essere sempre a posto "laggiù"
ovulazione
Ginecologia
CONDIVIDI
Tutto quello che ti succede durante l'ovulazione
Ne sai poco dell'ovulazione? Cosmo ti spiega che cosa succede al tuo corpo in quei pochi giorni del mese
calcolo settimane gravidanza mese per mese
Ginecologia
CONDIVIDI
Come fare il calcolo delle settimane di gravidanza mese per mese
Ecco la nostra mini guida per fare il calcolo delle settimane di gravidanza e individuare la data presunta del parto