Il viaggio a tempo indeterminato come stile di vita è un concetto che, soprattutto in Italia, non è ancora percepito come una possibile alternativa alla vita “normale”. All’annuncio del mio progetto ho ricevuto due uniche reazioni: Invidia da parte di coloro che, insoddisfatti della propria vita, vorrebbero fuggire via, e scetticismo allo stato puro. Ma qual è la realtà di chi decide di fare del viaggio la propria quotidianità?

Advertisement - Continue Reading Below

Come già discusso più volte, il viaggio non è un’eterna vacanza. Tutt’altro: il viaggio diventa essenzialmente la tua routine, tangibile e reale. Una routine fatta di ricerca, di adattamento costante, di prenotazioni di voli, ostelli, treni o svariate attività.

Per la schiera di persone che invidiano il mio stile di vita, ho voluto stilare una lista dei pro e dei contro dell’essere nati con il “tarlo del viaggiatore”. Vi sentite pronte a spiccare il volo da vere nomadi o preferite vivere nella “normalità”? (nulla di male in questo!).

Più Popolare

I pro:

  • Libertà: l’unica vera costante del viaggiatore è il pianificare voli aerei e trasporti, ma al di la di questo, si ha la libertà assoluta di scegliere quale orizzonte ammirare giorno per giorno, per il resto della propria vita. E questo è un lusso non concesso per chi vive una vita stabile.
  • apertura mentale: Qui si entra in un campo minato, in quanto alcuni additano i “viaggiatori” come individui arroganti che credono di aver capito tutto della vita. Non è necessariamente cosi, certo. Ma non c’è dubbio che l’entrare a contatto con migliaia di persone, di punti di vista diversi, di usanze ed abitudini lontane dalle nostre, apre la mente in un modo che a casa, risulterebbe impossibile.
  • Avventura: che si tratti di avventure negative o positive poco importa, la vita del viaggiatore è una continua sorpresa, è stupore e, a volte, anche pericolo. La noia non fa parte del nostro vocabolario, e questo è una delle motivazioni più forti quando si decide di viaggiare.

I contro:

  • Mancanza di Stabilità: essendo sempre in movimento, la stabilità, il poter ritornare a casa e posare la testa sul nostro vecchio caro cuscino ogni sera, è fuori discussione. A volte ci si sente spaesati, confusi e frustrati nel non sapere più quale sia la nostra vera casa. Senza contare la mancanza degli affetti più cari, rimasti dove li abbiamo lasciati.
  • Relazioni: tasto dolente per il viaggiatore è lo stabilire relazioni durature. Le amicizie, si sa, superano distanze intercontinentali, ma tenere in piedi una relazione, crearsi una famiglia da nomadi, è un’impresa riuscita a pochi. Per alcuni è un sacrificio sopportabile, per altri è un ostacolo insormontabile che porta inevitabilmente ad una scelta, a volte dolorosa: la famiglia o il viaggio.
  • Travel Burnout: questo concetto, intraducibile in Italiano, indica il momento in cui, dopo mesi di continuo girovagare, si raggiunge un momento di “stop”. Tutto ciò che prima ci entusiasmava, la novità e l’ avventura, ci lasciano indifferenti o cominciano a starci strette. Ma è davvero possibile stancarsi fino ad odiare questo stile di vita? Assolutamente si, ma è solo una fase, che prima o poi passa. Non ho mai incontrato un vero viaggiatore che si sia sentito sollevato nel tornare a casa indefinitamente. Prima o poi, il tarlo del viaggio si insinua nuovamente nella mente del nomade che non può far altro che seguire la sua vera natura!

Qualsiasi sia la tua natura, da nomade, come me, o più sedentaria, vorrei lasciarti con una citazione che si addice bene ad entrambe le situazioni: «L’unico vero viaggio verso la scoperta non consiste nella ricerca di nuovi paesaggi, ma nell’avere nuovi occhi», (Marcel Proust).

Leggi gli articoli di Clelia su Cosmo e seguila sul suo blog.

Una ragazza fa colazione abbondante
Diete
CONDIVIDI
I segreti di una buona colazione per essere super active tutto il giorno
Ecco cosa mangiare al mattino (e non te ne pentirai)
Una ragazza in piscina mangia un po' di frutta
Diete
CONDIVIDI
Vuoi perdere qualche chilo anche in vacanza? Dimagrisci mangiando
Non servono rinunce se scegli gli alimenti giusti
pancia piatta subito
Diete
CONDIVIDI
Pancia piatta in una settimana? Ce la puoi fare! Con un mix di dieta e fitness
Sai già che questo week end vai al mare e sogni una pancia piatta in una settimana. Ecco come fare!
dieta del limone per dimagrire
Diete
CONDIVIDI
Dieta del limone, -3kg in 7 giorni
Disintossicante e dimagrante, la dieta del limone ti aiuta a perdere 3 kg in sette giorni, a ritrovare energia e benessere
fermenti lattici probiotici
Diete
CONDIVIDI
Sì, i fermenti lattici vivi e i probiotici ti fanno bene e ti diciamo come usarli
Conosci i fermenti lattici vivi e probiotici? Scopri cosa sono e perché ti fanno bene
alimenti carboidrati
Diete
CONDIVIDI
7 alimenti che pensavi avessero pochi carboidrati... e invece!
Ops, forse devi ricrederti
semi di chia benefici e contro
Diete
CONDIVIDI
Quanto conosci i semi di Chia? Scopri i pro e i contro
Un super food dai mille benefici e qualche controindicazioni. Ecco quali
Diete
CONDIVIDI
Scopri la dieta proteica ma vegetariana
Ecco cosa e come mangiare per perdere peso senza troppe rinunce
bacche di goji proprietà dimagrire
Diete
CONDIVIDI
Tutti i pro e i contro delle bacche di Goji per dimagrire
Ma le bacche di Goji sono davvero utili per dimagrire? Scopri se sono efficaci e quali sono i pro e i contro di questo alimento
bere acqua fa dimargrire
Diete
CONDIVIDI
Ecco perché l'acqua aiuta (davvero) a dimagrire secondo la scienza
Ok, noi stiamo correndo a prendere un bicchiere d'acqua