Sindrome di Stoccolma, cos'è e come si cura

Scopri cos'è la Sindrome di Stoccolma, quali sono i sintomi e le cause e quali sono le cure e le terapie più efficaci per curarla.

Più Popolare

Sicuramente avrai sentito parlare della "Sindrome di Stoccolma". In tanti si chiedono cosa sia mai questa sindrome e a che cosa si riferisce. Bene, cercheremo di spiegarti cos'è la Sindrome di Stoccolma e perché si parla spesso di Sindrome di Stoccolma in amore.

Bisogna tornare un po' indietro nel tempo, però, per riuscire a fare completa chiarezza.

Che cos'è la Sindrome di Stoccolma

La Sindrome di Stoccolma infatti è uno stato psicologico in cui la vittima di sequestro di persona, o comunque una persona detenuta contro la sua volontà, sviluppa un rapporto di complicità con il suo rapitore. A volte, i prigionieri possono finire per aiutare i rapitori a raggiungere i loro scopi o eludere la polizia. Secondo la attuale corrente della psicologica, la Sindrome di Stoccolma allora sarebbe una sorta di meccanismo di difesa inconscio che si manifesta nel rapito, che non può rispondere alla aggressione dei rapitori, ed evita anche la possibilità di subire uno shock emotivo. Così si verifica un'identificazione con l'aggressore, un collegamento nel senso che l'ostaggio comincia ad avere sentimenti di identificazione, simpatia, l'apprezzamento per il suo rapitore (il film La Bella e la Bestia è un ottimo esempio di Sindrome di Stoccolma applicata all'amore).

Advertisement - Continue Reading Below

L'origine della Sindrome di Stoccolma

La sindrome è stata chiamata in questo modo per una famosa rapina in banca a Norrmalms Kreditbanken (Stoccolma), Svezia, che si è svolta dal 23 al 28 agosto 1973. In questo caso, le vittime, tre donne e un uomo, difesero i loro carcerieri anche dopo il loro rapimento, durato sei giorni. Inoltre mostrarono un comportamento reticente prima dell'inizio del processo. Si dice anche che una delle donne rapite si fosse fidanzata con uno dei rapitori. Il termine fu coniato dal criminologo e psicologo Nils Bejerot, collaboratore della polizia durante la rapina, che si riferì a questa sindrome in un notiziario. Successivamente il termine è stato poi adottato da molti psicologi di tutto il mondo.

Più Popolare

Ma quali sono le cause di questa sindrome?

Sia la vittima che l'autore del delitto perseguono l'obiettivo di uscire indenne dall'incidente e di conseguenza cooperano. Gli ostaggi cercano di proteggere se stessi, nel contesto di situazioni incontrollabili, dove provano dunque a soddisfare i desideri dei loro rapitori. La perdita totale del controllo che subisce l'ostaggio nel corso di un sequestro di persona è difficile da gestire. Essa diventa sopportabile quando la vittima s'identifica con i motivi del colpevole. Secondo lo psicologo Nils Bejerot, la Sindrome di Stoccolma è più comune nelle persone che sono state vittime di un qualche tipo di abuso, come nel caso di: ostaggi, membri di una setta, abuso psicologico dei bambini, prigionieri di guerra, prostitute, i prigionieri nei campi di concentramento, vittime di incesto e violenza domestica.

Sindrome di Stoccolma: i rimedi

Le vittime necessitano di assistenza psicologica e psichiatrica per ricordare e rielaborare la situazione vissuta, le conseguenze che possono derivare da questa esperienza e per lavorare sui vari meccanismi di difesa che la persona ha messo in atto. Bisogna tenere presente che la memoria è selettiva e che le sue impronte digitali vengono modificate con il passare del tempo. Molti dei professionisti che si occupano di questo tipo di pazienti diagnosticano alle vittime alcuni disturbi come il disturbo acuto da stress o PTSD. Il trattamento utilizzato dunque è lo stesso di quello utilizzato per il trattamento del PTSD, combinando farmacoterapia con la psicoterapia. Ovviamente, il trattamento deve essere adattato alle caratteristiche della vittima. Se questa presenta insicurezza e bassa autostima, si lavorerà per migliorare la loro sicurezza personale, la dipendenza emotiva e le reazioni che manifesta. Il recupero solitamente è buono e la durata dipende da vari fattori.

Una ragazza in piscina mangia un po' di frutta
Diete
CONDIVIDI
Vuoi perdere qualche chilo anche in vacanza? Dimagrisci mangiando
Non servono rinunce se scegli gli alimenti giusti
Una ragazza al mare con un fisico in forma
Fitness
CONDIVIDI
5 esercizi di fitness per un corpo da baywatch
Se vuoi un fisico tonico prova questi 5 step. Ti faranno sentire la star della spiaggia!
Benessere e salute
CONDIVIDI
Vuoi pancia piatta e buonumore in vacanza? Cura bene il tuo intestino
Se l'intestino sta bene, migliorano forma fisica e umore. Ecco come curarlo
candida cure naturali
Ginecologia
CONDIVIDI
Cosa devi sapere sulla candida sui sintomi e le cure
Ecco i sintomi della candida e le cure più efficaci contro questo disturbo antipaticissimo!
Mononucleosi
Benessere e salute
CONDIVIDI
Mononucleosi, quanto ne sai? Ecco cos'è e come si cura
Conosciuta anche come malattia del bacio ecco tutto quello che devi sapere: da come si contrae a quali sono le cure efficaci
crioterapia come funziona
Benessere e salute
CONDIVIDI
Hai sentito parlare di criolipolisi? Ecco cos'è e come funziona
Scopri i pro e i contro di questo trattamento estetico contro il grasso localizzato e se fa per te!
Gli oli essenzziali per la vita
Benessere e salute
CONDIVIDI
La guida ai 7 oli irrinunciabili per la vita di tutti i giorni
Vuoi conoscere meglio l'aromaterapia? Ecco una guida semplice agli oli utili per tutti i giorni
una ragazza rilassata in piscina
Benessere e salute
CONDIVIDI
10 cose che devi sapere prima di passare una giornata alla spa
Con questi tips te le godi alla grande!
cheratina per capelli ricci
Benessere e salute
CONDIVIDI
I pro e i contro della cheratina per capelli ricci
Vantaggi e svantaggi di questo trattamento che ti aiuta a avere capelli lisci e senza crespo per almeno tre mesi
cavitazione estetica contro cellulite
Prevenzione
CONDIVIDI
Hai sentito parlare di cavitazione estetica? Ecco cos'è
Scopri cos'è, come funziona e quali sono i vantaggi e gli svantaggi di questo trattamento contro la cellulite